Elezione del Papa. I pronostici. Occhi umani, per ‘anticipare’ chi sarà il nuovo Pontefice.

Elezione del Papa. I pronostici. Occhi umani, per ‘anticipare’ chi sarà il nuovo Pontefice.
Capella Sistina e Conclave

LA SCELTA DEL PAPA. Chi sarà il nuovo Pontefice? Se lo chiedono in ogni parte del Mondo. Il problema è che se si guardano le vicende della Chiesa con occhi ( solo) umani si rischia di fare come con il Superenalotto; se, viceversa, si scrutano con la discrezione della Fede, allora tutto resta sospeso.In fiduciosa attesa.

I PRONOSTICI DEI MEDIA. Occhi umani sono quelli di giornali ( nostri ed esteri) che ( in questi giorni) s’arrovellano in ogni modo per potere avere lo scoop del ‘pronostico azzeccato’. Non sarebbe poi male visto che, con i media collegati, sarebbe un tam tam mondiale.

All’apertura del ‘ cum clavem‘ manca poco, perchè martedì 12 il chiavistello della prodigiosa Sistina girerà per lasciare entrare 115 cardinali provenienti da ogni continente. I  più sono italiani ( una sessantina, ma a quanto pare ‘spaccati’ ), ai quali seguono americani del nord e sud, africani, asiatici e uno solo proveniente dall’Oceania. Per l’elezione ( secondo il recente regolamento approvato dal papa emerito Benedetto XVI) occorreranno 77 voti; nel caso in cui si andasse per le lunghe si ricorrerà al ballottaggio tra i due candidati con più preferenze.
Comunque i i cardinali hanno ancora tre giorni di tempo per confrontarsi nelle congregazioni generali e negli incontri informali. Guardati a vista dai media, proprio per carpire la ‘soffiata’ giusta ( secondo loro) per anticipare il nome del prescelto. S ci riusciranno non è dato a sapere; quel che che è certo che si sono tirati su le maniche per sostituirsi alla Provvidenza.

CHI COME E PERCHE’ ? Tra gli altri sondaggi, questo dl Corriere. Ebbene, di nomi se ne fanno tanti,  ma i più ricorrenti sono questi: O’ Malley, cappuccino, 68 anni, arcivescovo di Boston; Pedro Schrer, classe 1948, arcivescovo di San Paolo; Angelo Scola, classe 1941, arcivescovo di Milano. Le motivazioni sono diverse. In genere si tratta di previsioni che ‘puntano’ ad una elezione clamorosa, come s’addice alle esigenze dei media, che più che a rievangelizzare il Pianeta necessitano di battere ( magari con sonorità inedite) la gran cassa per ore, giorni, mesi, anni.
Che l’esempio di papa Ratzinger abbia innescato un ‘qualcosa‘ di nuovo lo si percepisce. Anche da non addetti ai lavori. Esempio: un governo diverso della Chiesa, qualche curiale ( e corvo) in meno, più pulizia in cassa ( Ior) ma anche nei comportamenti di qualche religioso ( pedofilia). Il papa Emerito, insomma, sembra ( suo malgrado) incombere sul Conclave. E non tanto per ‘interferire’ materialmente sul voto, quanto per ‘ consentire di mantenere una rotta’ dalla quale sarà difficile sottrarsi. Per chiumque. E da qualunque parte del Mondo esso provenga. I tempi sono ( probabilmente) maturi anche per una ‘ grande sorpresa’. 

OCCHI UMANI OCCHI DI FEDE. E questo è quanto possono gli occhi umani. La Cappella Sistina finora ha ospitato 24 conclavi; quello che inizia martedì 12 marzo sarà il 25°. Quasi un nulla nella storia millenaria della Chiesa. Nelle ultime elezioni, ad esempio, quelle che vanno da papa Giovanni XXIII a papa Giovanni Paolo II,  chi sbirciava dal buco della serratura è sempre rimasto con un palmo di naso. Anche perchè gli eletti, pescati dall’antica urna ogni volta a sorpresa, hanno poi fatto cosa molto diverse da quelle per le quali ( si diceva) erano stati prescelti. Misteri della Chiesa. O se volete : occhi umani, occhi di fede.

Ti potrebbe interessare anche...