Rimini. Oncoematologia pediatrica e speranza: i dati di guarigione dei piccoli pazienti.

Rimini. Oncoematologia pediatrica e speranza: i dati di guarigione dei piccoli pazienti.
Matteo Benvenuti. Immagine di repertorio.

RIMINI. La patologia oncologica è grave, e può essere vissuta in maniera terribile, quando tocca persone adulte. Ma ci sono anche bambini malati di tumore. Rimini (l’Unità Operativa di Pediatria dell’Ospedale “Infermi” di Rimini) è uno dei centri all’avanguardia per la cura di bimbi affetti da patologie oncoematologiche, e attualmente sono circa 100 i bambini seguiti (con un lieve trend di aumento negli ultimi anni, dovuto sia ad una diagnosi sempre più precoce sia al fatto che a Rimini afferiscono anche piccoli pazienti residenti in altri territori). Sono 12 – 14 i nuovi casi attesi ogni anno, e la percentuale di sopravvivenza dei piccoli pazienti si attesta vicino all’80 per cento.

A sostegno delle famiglie colpite da questa malattia, vi è l’Arop, un’associazione che si impegna per dare aiuto logistico ma anche psicologico ai piccini ai loro genitori e ai loro fratelli. E nei giorni scorsi l’Arop ha ottenuto un contributo frutto di una iniziativa di giovani ragazzi della provincia di Rimini molto sensbili nei confronti dei piccoli pazienti. Matteo Benvenuti e Luca Bernardini, atleti della Bvolley di Bellaria, con la collaborazione della società sportiva, ed il patrocinio del Comune di Rimini che ha messo a disposizione la Palestra “Einaudi” di Viserba Monte, hanno infatti organizzato, nelle scorse settimane, un torneo benefico di pallavolo che ha visto scendere in campo la Bvolley stessa, San Patrignano, Budrio Longiano e Coriano Volley. Hanno quindi devoluto il ricavato all’Arop.

Ma Benvenuti è già al lavoro per dar vita ad un’altra iniziativa benefica. Buoni segnali dunque per i bimbi malati, sia dalla società civile, sia dalle cure sempre più all’avanguardia che i medici riescono ad erogare.

Ti potrebbe interessare anche...