Benessere. Insonnia: i cibi migliori per dormire bene.

Benessere. Insonnia: i cibi migliori per dormire bene.
Pizza al pomodoro. Immagine di repertorio.

BENESSERE. Un vero e proprio vademecum per sconfiggere l’insonnia. E uno delle prime “leggi” da seguire è proprio a tavola.

Il menù? Come primo: penne all’arrabbiata o anche pizza alla marinara; come verdure: finocchi o cicoria per cena, con un assaggio di cacao a merenda e un bicchiere di latte caldo prima di andare a letto.

Antonio Sbardella, medico nutrizionista del Centro ricerche Vis Sanatrix Naturae di Roma, sostiene che “l’insonnia è figlia di varie cause: può essere legata a disturbi del fegato o delle ghiandole surrenali, allo stress, ai farmaci o anche a squilibri alimentari. In base alle cause, esistono alimenti che possono aiutare a superare il problema, e altri da ridurre o evitare in particolari ore, per non peggiorarlo“.

Cibi sì e cibi no.

No ai formaggi. Nel caso di problemi legati a disturbi epatici è utile “non sovraeccitare il fegato con i formaggi, soprattutto la sera. Questo è un alimento che chi soffre d’insonnia dovrebbe evitare -  spiega Sbardella – Meglio optare per carboidrati e farinacei, ricchi di triptofano, un precursore della serotonina, davvero prezioso per il sonno. Bene dunque pasta all’arrabbiata o pizza, senza mozzarella, abbinate a un contorno e magari anche al dolce“, perché gli zuccheri aiutano il riposo.

Sì al cacao, ma a metà pomeriggio. Bene anche “il latte caldo con il miele, ricco di triptofano. E persino il cacao, che però dovrebbe essere amaro e va assunto intorno alle 17.30, non dopo, perché per la trasformazione del triptofano in serotonina occorrono 3-4 ore“.

Via libera ai cibi anti ritenzione idrica. In caso di insonnia legata a disturbi delle “ghiandole surrenali o del fegato, il problema si manifesta con risvegli tra l’una e le tre di notte, mentre se il colpevole è lo stress, spesso si fatica ad addormentarsi e ci si sveglia intorno alle 4-5 del mattino. In questo caso è importante evitare l’alcol, che affatica il fegato e fa salire la pressione, e ridurre drasticamente carne rossa, uova, capperi e pasta di grano duro: meglio riso, farro e alimenti che contrastano la ritenzione idrica, come finocchio, cicoria e cipolla“.

Ti potrebbe interessare anche...

1 Commento

Inserisci un commento

l'email non verrà visualizzata

opzionale