Cervia. Proseguono i laboratori didattici dedicati alla cucina romagnola.

Cervia. Proseguono i laboratori didattici dedicati alla cucina romagnola.
Laboratorio. Immagine di repertorio.

CERVIA. Proseguono con successo i laboratori didattici dedicati alla cucina romagnola, promossi dall’Associazione Culturale Casa delle Aie in un rapporto di fattiva collaborazione con la gestione del ristorante (famiglia Battistini). Il nuovo appuntamento è fissato per martedì 16 aprile, dalle 9 alle 12, alla Casa delle Aie di Cervia.

Parteciperà all’iniziativa la classe 5ª B della scuola primaria “Giuseppe Mazzini” di Milano Marittima.

Il laboratorio didattico è mirato a valorizzare le tradizioni gastronomiche cervesi e romagnole. La partecipazione all’iniziativa è a titolo gratuito e il Comune di Cervia collabora mettendo a disposizione il servizio di trasporto. Il laboratorio didattico è coordinato da Mario Stella e Miriam Montesi.

Un esperto di tradizioni gastronomiche locali, Alfio Troncossi, in una sala della Casa delle Aie, fornisce, con aneddoti e racconti, una prima informazione sulle tradizioni alimentari e gastronomiche del nostro territorio. Gli alunni vengono accompagnati alla scoperta di quattro specialità tipiche romagnole: strozzapreti, cappelletti, tagliatelle e, naturalmente, la piadina romagnola. E’ l’occasione per conoscere come si fa la pasta sfoglia, come si usa il matterello, come si prepara l’impasto della piadina e dei primi piatti della tradizione romagnola.

Gli alunni partecipanti vengono suddivisi in piccoli gruppi che le “sfogline” della Casa delle Aie seguono con grande professionalità e pazienza. I bambini vivono l’esperienza straordinaria di manipolazione e preparazione di questi piatti e cibi tradizionali.
Il momento conclusivo dell’iniziativa è naturalmente quello più gustoso. I primi piatti e la piadina preparati nell’arco della mattinata vengono cucinati dal personale delle Aie nella cucina e serviti in una delle sale del ristorante. E’ un momento che gli alunni dimostrano di gradire particolarmente e che è la degna conclusione di un’esperienza coinvolgente di scoperta dei cibi tradizionali locali.

Ti potrebbe interessare anche...