La cronaca dello sport. Alonso per il bis in Bahrain. Juve-Milan scontro tra miti, ma non per lo scudetto.

La cronaca dello sport. Alonso per il bis in Bahrain. Juve-Milan scontro tra miti, ma non per lo scudetto.
Alonso

LA CRONACA DAL DIVANO. Ci risiamo con il campionato. Anche se, questo week end è ricco d’altri appuntamenti. Tra gli altri quello automobilistico, con il Gp del Baharain, sul Golfo Persico, con la ‘rossa‘ lanciata verso una nuova vittoria. Questo l’esito della qualificazione in griglia: Rosberg ( sorpreso ma felice), Vette ( sempre sul posto) e Alonso ( in dificoltà con il giro secco, ma il meglio del meglio in gara. Massa è solo sesto.
Al momento nella classifica piloti Vettel ( Ger-Red Bull) se ne sta in vetta con 52 punti; dietro sono Raikkonen ( Fin-Lotus) con 49 punti e il nostro Fernando ( Spa-Ferrari) con 43 ( Hamilton, oggi retrocesso di cinque posizioni per il cambio, punti 40). Nella classifica costruttori, invece, la ‘rossa’ bracca la Red Bull ( 78 punti) con 73. Dietro è la Lotus con 60.
Marquez davanti Pedrosa e Brandl: è il verdetto delle libere nella moto Gp. In difficoltà infatti restano le Yamaha, con Lorenzo quarto ( a 1’6) e Rossi quinto ( a 1’8). I centauri si sfidano nella prova mondiale ad Austin, Texas, con tante cosette da decidere.

NON SOLO CAMPIONATO. L’uscita dall’Europa ha ridato fiato agli esterofili. Che sono tornati a snocciolare le loro litanie. Sul povero calcio nazionale, disperso e incapace di ristrutturarsi. Certo si ha l’impressione di essere all’angolo, disponibili solo a vedere e ad applaudire  ( dalla prossima metà settimana) le quattro big d’Europa: Bayern-Barca e Real-Borussia. Che ci faranno vedere ancora una volta quanto sono bravi ma anche quanto corrono, a perdifiato, senza un attimo di sosta, per 90/120 minuti, all’ occorrenza.Non vogliamo malignare, ma quando il signor Uefa si deciderà ad introdurre passaporto biologico, controlli incrociati sangue e urine  ( anche a) sorpresa ed eventuali operazioni di intelligence? Mica per niente, per tranquillizzare tutti. E poi, per davvero, vinca il migliore. Anche perchè se stiam fermi ‘ a quel che tutti pensano ma che nessuno dice’ i nostri, che alla fine sono i polli, prima di rialzare una coppa dovranno incanutire.

IL CAMPIONATO. Si riparte con due domande. Una scontata: ce la farà la Juve a tagliare per prima il traguardo? L’altra, invece, ancora incerta: ce la farà il Milan ad arrivare secondo? Se guardiamo i fatti e non le chiacchiere, il Napoli difficilmente mollerà. Nonostante le mille voci su Mazzarri, Cavani, De Laurentis; piuttosto dovrà essere il Milana ( allegro) di Allegri a non gettare alle ortiche nei momenti clou le sue chances. Galliani sostiene che Milan e Juve pari ( forze) sono. Conte ( con inedito sorriso) ribatte che negli ultimi due anni la Signora ha vinto e il Diavolo no.
Probabilmente i milanesi, oltre a rimettere a norma San Siro per garantire le 5 stelle, dovrebbero pensare a mettere su un caratterino che ( attualmente) manca, soprattutto davanti alla Juve. Barca e Napoli non si battono con una truppa di bravi giovani portati su un campo verde a passare qualche ora insieme.
LA RETROCESSIONE. La retrocessione sembra interessare soprattutto Siena, palermo ( resuscitato ma non da Zamparini), Genoa ( poveraccio) e Pescara ( più di là che di qua). Interessante è anche l’Europa. Ma cosa dire quando senti che l’Inter ( tre anni fa tripletata) sta rimuginando se conviene o no partecipare alla seconda coppa del calcio europeo?

I NUMERI

LE PARTITE. ( sabato, ore 18) Genoa-Atalanta, ( ore 20,45) Udinese -Lazio; ( domenica 21, ore 12,30) Inter-Parma, ( ore 15) Bologna-Sampdoria, Catania-Palermo, Fiorentina-Torino, Napoli-Cagliari, Roma-Pescara, Siena-Chievo, (ore 20,45) Milan-Juventus.

LA CLASSIFICA. Juve, 74 punti; Napoli,63; Milan, 59; Fiorentina,55; Roma,51; Lazio,51; Inter,50; Udinese,48; Catania,47; Cagliari,42; Parma,39; Bologna,38; Samp (-1), 37; Atalanta (-2), 37; Torino (-1), 36; Chievo,36; Siena(-6), 30; Palermo,28; Genoa,28; Pescara,21.

IL PROSSIMO TURNO 34 GIORNATA. ( sabato 27,0re 18) Atalanta-Bologna e Cagliari-Udinese; 8ore 20,45) Pescara-Napoli; ( Domenica 28, ore 15) Chievo-Genoa, Palermo-Inter, Roma-Siena, Samp-Fiorentina, Torino-Juve; ( ore 20,4) Milna-Catania; ( lunedì 29 aprilew, ore 20,45) Parma-Lazio.
I MARCATORI 33a GIORNATA. 22 reti, Cavani ( Napoli, 5 rigori); 17 reti, Di Natale ( Udinese, 4 rigori); 16 reti, Al Shaarawy ( Milan).

Ti potrebbe interessare anche...