Emilia Romagna. Bicentenario verdiano e formazione artistica. Un progetto promuove la figura di Giuseppe Verdi.

Emilia Romagna. Bicentenario verdiano e formazione artistica. Un progetto promuove la figura di Giuseppe Verdi.
Giuseppe Verdi. Immagine di repertorio.

EMILIA ROMAGNA. Un progetto per la promozione e la diffusione della figura e dell’opera di Giuseppe Verdi, in occasione dei festeggiamenti per il bicentenario della nascita del grande compositore: lo ha realizzato il Comune di Busseto, insieme a Fondazione Ater Formazione – Scuola dell’Opera Italiana con il sostegno della Regione Emilia Romagna. L’iniziativa, che rientra nell’ambito delle attività finanziate dalla Legge n. 206/2012, è stata presentata in conferenza stampa questa mattina a Bologna dall’assessore regionale alla Formazione e Lavoro Patrizio Bianchi, dalla presidente della Scuola dell’Opera Italiana – Fondazione Ater Formazione Alessandra Zagatti, dal sindaco di Busseto Maria Giovanna Gambazza, e dal direttore artistico del Teatro di Piacenza Cristina Ferrari.

Il progetto prevede un corso di alto perfezionamento e avviamento professionale delle figure artistiche del teatro d’opera, un percorso di formazione del pubblico, in particolare dei bambini delle scuole, e un progetto di ricerca in collaborazione con il Dipartimento delle Arti – Archivio del canto dell’Università di Bologna e la Casa della Musica di Parma.

“Il bicentenario verdiano non deve essere solo un fatto rituale – ha detto l’assessore regionale Patrizio BianchiLa musica e il teatro sono una straordinaria opportunità di crescita per la nostra regione e per il Paese. Nel territorio regionale i dati parlano di circa 1500 imprese nell’ambito culturale (spettacolo dal vivo, cinema, musica, ecc.) e di oltre 25.000 tra imprese individuali e piccole imprese nell’ambito dei servizi creativi (architettura, design, pubblicità, multimedialità, comunicazione, produzione software, ecc.) che danno occupazione a 77mila addetti, pari all’8% delle imprese e al 4,5% degli addetti dell’intera economia regionale. L’Emilia Romagna con i suoi 8 conservatori, ha le caratteristiche per diventare una grande scuola europea per lo spettacolo”.

“Questo progetto è stato molto apprezzato dal Comitato nazionale per il Bicentenario Verdiano, perché mette insieme formazione artistica, formazione in età scolare e ricerca – ha spiegato Alessandra Zagatti, presidente Ater – Inoltre questa iniziativa ha il pregio di valorizzare e mettere in sinergia tutte le realtà teatrali e di produzione della regione, e anche questo significa dare maggiori opportunità ai giovani artisti”.

Oltre al Comune di Busseto e Fondazione Ater il progetto è realizzato in collaborazione con Concorso lirico “Voci Verdiane”, Teatro Comunale di Piacenza, Teatro Comunale di Ferrara, Teatro “Dante Alighieri” di Ravenna, Teatro Comunale di Bologna, Dipartimento delle Arti – Archivio del canto (Università di Bologna), Casa della musica di Parma, Compagnia “Burattini di Riccardo”, Gruppo Ocarinistico Budriese.

Clicca qui per la sintesi del progetto Progetto Formazione Verdi

Ti potrebbe interessare anche...

Inserisci un commento

l'email non verrà visualizzata

opzionale