Faenza. Giorgio Calcaterra ancora il Re della 100 km.

Faenza. Giorgio Calcaterra ancora il Re della 100 km.
Giorgio Calcaterra. Immagine di repertorio.

FAENZA – Ancora lui, Giorgio Calcaterra, 41 anni compiuti nel febbraio scorso, ha vinto la 100 Km del Passatore, giunta alla sua 41ª edizione con il tempo di 6h39’59”, conquistando anche questa volta il titolo italiano assegnato dalla Fidal. Il tassista romano ha fatto sua la Firenze-Faenza per l’ottava volta consecutiva, con un’incredibile rimonta cominciata lungo la discesa dal passo della Colla di Casaglia, dove era transitato con un ritardo di circa 4’ da Evgeni Glyva, poi giunto secondo. L’ucraino era scattato in testa fin dal partenza, aumentando il suo vantaggio su Calcaterra e sul sorprendente altoatesino Hermann Achmuller, che lo ha seguito come un’ombra fino a Razzuolo, prima di staccarsi dal romano e giungere comunque terzo.

Il ‘Passatore’ è partito da Firenze, in via de’ Calzaiuoli, alle 15 in punto, sotto la pioggia. Il via lo hanno dato il sindaco di Firenze Matteo Renzi, con il classico colpo di pistola, e il presidente della ‘Cento’ Elio Ferri. Dei 2.015 iscritti sono partiti in 1.782. Glyva è transitato per primo a Fiesole (km 7,5) con 6” sulla coppia Calcaterra-Achmuller, aumentati a 1’55” a Vetta le Croci (km 16,5), a 2’33” a Borgo San Lorenzo e a poco meno di 4’ sulla ‘cima Coppi’ della ‘Cento’. Il romano ha raggiunto Glyva poco dopo Crespino (km 56) e ha aumentato in modo progressivo il suo vantaggio sull’ucraino.

Con l’ottava vittoria consecutiva, Calcaterra, il primo centista ad aver conseguito questo risultato al ‘Passatore’, ha ribadito di essere il più grande atleta italiano (e mondiale) della specialità, oltre a confermarsi il primo tra i leggendari podisti della 100 km su strada “più bella del mondo”, davanti al russo Alexey Kononov che di ‘Passatori’ ne ha vinti sei (1993, ’94, ’95, ‘97, 2000 e 2001), e all’irpino-bolognese Vito Melito, quattro volte vincitore (nel ‘76, ’77, ’78 e ’81).

Ti potrebbe interessare anche...