Rimini. Un tetto agli stipendi dei top manager: Fiba-Cisl in piazza.

Rimini. Un tetto agli stipendi dei top manager: Fiba-Cisl in piazza.
Massimo Fossati. Immagine di repertorio.

RIMINI. E’ partita anche a Rimini la campagna “Se firmi li fermi, se non firmi chi li ferma?” indetta dalla Fiba, la categoria dei bancari e assicurativi della Cisl.

Sabato 29 giugno alle 17 si tiene nella Sala del Buonarrivo (sede della Provincia, Corso d’Augusto) la presentazione della proposta di legge della Fiba “Limiti massimi degli emolumenti dovuti al top manager di società di capitali a titolo di retribuzione e bonus” che vuole mettere un tetto alle retribuzioni dei manager.

Intervengono Massimo Fossati, segretario generale Cisl Romagna, Stefano Manzi, segretario Fiba-Cisl Romagna, Tiziano Arlotti, deputato Pd, Bonfiglio Mariotti, imprenditore riminese e vicepresidente di Eticredito.

Inoltre sabato 29 giugno inizia la raccolta di firme a Rimini. Dalle 8.30 alle 13.30 in piazza Cavour, all’angolo con corso d’Augusto, sarà allestito un tavolino della Fiba-Cisl a cui i cittadini sono invitati a fermarsi per firmare la proposta di legge.

La raccolta continua a Rimini nei prossimi giorni di mercato (mercoledì 3 luglio e sabato 6 luglio) sempre dalle 8.30 alle 13.30 in piazza Cavour, a Riccione venerdì 5 luglio, ore 8.30-13.30, angolo corso F.lli Cervi e via Diaz, a Santarcangelo venerdì 12 luglio, ore 8.30-13.30, piazzetta della Macina.

Per potere presentare la proposta di legge al Presidente della Camera o del Senato, occorre raccogliere almeno 50.000 firme. L’obiettivo della Fiba è di raccoglierne nel territorio riminese almeno mille entro il mese di settembre.

Ti potrebbe interessare anche...