Torna in Valconca ‘A Passo d’Uomo Festival’: arte, cultura, paesaggi e valorizzazione dei talenti giovanili.

Torna in Valconca ‘A Passo d’Uomo Festival’: arte, cultura, paesaggi e valorizzazione dei talenti giovanili.
A Passo d’Uomo Festival.

VALCONCA. Confermato l’impegno di Provincia e Unione della Valconca al sostegno del Festival. Da quest’anno saranno coinvolti anche i Comuni rivieraschi durante le camminate introduttive alla tre giorni di spettacoli tra le colline dell’entroterra riminese.

Previsti due laboratori aperti al pubblico: uno con il fotografo di fama mondiale Guido Guidi ed uno di sviluppo sensoriale realizzato in collaborazione con l’Associazione Italiana Ciechi e Ipovedenti che si svilupperà attraverso la danza-contatto.

Arte, natura, creatività giovanile, imprese culturali, partecipazione, associazionismo, valorizzazione delle eccellenze del territorio: queste sono le radici su cui si fonda A Passo d’Uomo, il progetto che culminerà il 6-7-8 settembre 2013 con un Festival di spettacoli, performance e azioni sceniche, dopo camminate estive e laboratori formativi-performativi che si svolgeranno in Valconca tra luglio e agosto, tra il mare e le colline. A passo d’Uomo è un progetto sperimentale di sviluppo locale che valorizza la Valconca come laboratorio culturale permanente e che indaga il rapporto tra Arte e Natura a partire dalle molte realtà creative che esistono sul territorio e dalla valorizzazione della fitta rete di sentieri che compongono il GAV (Grande Anello Verde) del Conca, un’infrastruttura verde di oltre 140 km tra il fiume e i boschi di crinale.

Il successo di pubblico della prima edizione, che ha registrato quasi 3.000 presenze e coinvolto persone provenienti dall’intera provincia di Rimini, ma anche dal pesarese, bolognese, ravennate, faentino, modenese e parmense, ha traghettato il Festival verso la seconda edizione. Quest’anno promuovono il festival la Provincia di Rimini, l’Unione della Valconca, alcune piccole e medie imprese della filiera dell’accoglienza e del gusto e la neo-costituita Associazione di Promozione Sociale A Passo d’Uomo, nata dalla volontà di Marialuisa Cipriani, Matteo Conti, Matteo De Angelis, Elena Farnè, Silvia e Stefano Pangrazi.

L’APS A Passo d’uomo si è costituita il 22 maggio scorso e si propone come una realtà aperta a giovani, imprese culturali, artisti, associazioni, imprenditori e a tutte le realtà eccellenti della Valle del Conca che investono sull’innovazione, il presidio e la cura del territorio, che condividono il valore aggiunto del lavorare in rete. Saranno coinvolte almeno una decina di associazioni culturali ed ambientali presenti in provincia di Rimini, ma anche scuole ed accademie d’arte.

La Provincia di Rimini, i Comuni che compongono l’Unione della Valconca oltre a Saludecio e Montecolombo e ai Comuni rivieraschi sostengono l’iniziativa, unica nel suo genere, un evento a impatto ambientale zero, a misura d’uomo, in grado di condurre le persone a scoprire i paesaggi naturali e culturali della vallata. L’obiettivo è quello di promuovere forme di turismo ‘slow’, a passo lento, mettendo in evidenza i luoghi più belli della Valconca e i prodotti enogastronomici a km 0, attraendo nuovi potenziali flussi di visitatori interessati all’arte contemporanea, al teatro, la danza, la fotografia e la musica e alle forme di turismo e cammino nella natura.

Il grande pubblico sarà coinvolto attraverso una serie di camminate che avranno molteplici funzioni: la prima quella di creare un gruppo assiduo di camminatori, la seconda di dare inizio alla campagna di tesseramento che garantirà l’accesso al Festival con copertura assicurativa e costituirà un piccolo autofinanziamento per la manifestazione, al contempo consentirà di scoprire numerosi territori anche rivieraschi come Misano e Cattolica.

Seguiranno poi la ‘Camminata al Tramonto’ tra Saludecio e Mondaino domenica 4 agosto e la ‘Camminata della Luna’ a San Clemente mercoledì 21 agosto.

Quest’anno saranno introdotti anche laboratori sperimentali. Il primo ad aprirsi sarà quello di ‘Passo a due – paesaggio in braille, vedere con il corpo’ sviluppato in collaborazione con l’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti e con il patrocinio del Museo della Linea dei Goti, propone l’utilizzo della danza post-moderna, in particolare della tecnica della Danza-contatto (Contact-Improvisation) per sviluppare nuovi modelli originali di percezione multi-sensoriale degli spazi aperti, fruibili da persone vedenti e non vedenti. La camminata-performance esito del laboratorio, aperta a persone con disabilità visive e a spettatori non disabili, si svolgerà per tutti ad occhi bendati. Durante il cammino ogni spettatore avrà una guida personale: un ballerino-guida. Insieme, il ballerino-guida e lo spettatore, cammineranno e danzeranno insieme lungo il percorso in un vero e proprio Passo a due. Il 13 luglio è prevista la prima lezione introduttiva al mondo dei non vedenti.

L’altro laboratorio è ‘Sguardi sul paesaggio/laboratorio di fotografia’ con uno dei fotografi paesaggisti più apprezzati al mondo: Guido Guidi. Le sue opere sono state esposte al Fotomuseum di Winterthur, al Guggenheim e al Withney Museum di New York, al Centre Pompidou di Parigi e alla La Biennale di Venezia. Il laboratorio indagherà le trasformazioni dei paesaggi della Valconca con particolare attenzione agli elementi, ai luoghi e agli spazi in cerca di nuovi usi e funzioni. È comprensivo di lezioni teoriche, di un workshop intensivo con campagne fotografiche di conoscenza diretta degli ambienti naturali e culturali e di un laboratorio conclusivo di presentazione e selezione delle fotografie in previsione della mostra che verrà allestita durante il Festival. La prima lezione si terrà l’8 agosto.

Le iscrizioni ai laboratori sono già aperte, maggiori informazioni dai luoghi ai costi sono reperibili sul sito www.apassoduomo.org nella sezione Laboratori. Altri riferimenti sulla Pagina Facebook ‘A Passo d’Uomo Festival’.

Ti potrebbe interessare anche...