Cesena. Gran finale per Piazze di Cinema con la proclamazione dei vincitori del Premio Monty Banks.

Cesena. Gran finale per Piazze di Cinema con la proclamazione dei vincitori del Premio Monty Banks.
Piazze di Cinema a Cesena. Immagine di repertorio.

CESENA. Cala il sipario su Piazze di Cinema, la grande rassegna cinematografica promossa dal Centro Cinema Città di Cesena e dall’Assessorato ai Servizi e alle Istituzioni Culturali del Comune di Cesena, che per dieci giorni ha visto la città romagnola trasformarsi in una grande arena cielo aperto con proiezioni, incontri ed eventi dedicati alla settima arte.

Sabato 13 luglio l’ultimo appuntamento con l’Aperitivo con l’Autore vede protagonisti i membri della giuria del Premio Monty Banks, concorso riservato alle opere prime più significative dell’ultima stagione cinematografica. Alle 19.30 all’AcquaDolce (via IV Novembre, 570) il pubblico di Piazze di Cinema incontra l’attrice bolognese Chiara Caselli, i registi Daniele Gaglianone e Luciano Manuzzi, la scrittrice e sceneggiatrice Lorenza Ghinelli e la poetessa e attrice teatrale Mariangela Gualtieri.

In serata, alle 21.45 in Piazza del Popolo si terrà la premiazione di questa terza edizione del concorso, che vede in gara i film La città ideale di Luigi Lo Cascio, Tutti contro tutti di Rolando Ravello, Qualche nuvola di Saverio Di Biagio, Pulce non c’è di Giuseppe Bonito, Miele di Valeria Golino e L’intervallo di Leonardo Di Costanzo. Oltre al premio della giuria è previsto un premio del pubblico, chiamato a dare un voto al termine di ogni proiezione.

A seguire gran finale con la proiezione di un capolavoro del Neorealismo, Roma città aperta di Roberto Rossellini, film del 1945 con un’indimenticabile Anna Magnani. Un omaggio che Piazze di Cinema ha scelto di fare in memoria dei 40 anni della scomparsa di “Nannarella”.

Giuria Premio Monty Banks: biografie artisti.

Chiara Caselli. Attrice, nata a Bologna. Dopo aver frequentato una scuola di recitazione nella città felsinea, esordisce giovanissima a teatro. Dopo piccoli ruoli in fiction televisive, debutta al cinema nel 1990 con Il segreto di Maselli, avviando una carriera che la farà collaborare con autori italiani (Cavani, Vicari, Bechis, Argento, Antonioni, Nuti, fratelli Taviani, Calogero e Manuzzi) e stranieri (Van Sant, Costa-Gavras, Mia Hansen-Løve.

Regista del corto Per sempre, si occupa anche di fotografia.

Daniele Gaglianone. Regista nato ad Ancona nel 1966. Si è laureato in Storia e Critica del Cinema presso l’Università di Torino. Tra il 1991 e il 1997 è autore di numerosi documentari realizzati per l’Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza. Ha esordito nel 2000 con I nostri anni, a cui hanno fatto seguito Nemmeno il destino (2004), Pietro (2010) e Ruggine (2011). Con Il documentario Rata nece biti (La guerra non ci sarà, 2008) vince il David di Donatello.

Attualmente sta preparando il suo nuovo film.

Mariangela Gualtieri. Poetessa e attrice cesenate, si è laureata in architettura allo IUAV di Venezia. Nel 1983 ha fondato,
insieme al regista Cesare Ronconi, il Teatro Valdoca, di cui è drammaturga. Fin dall’inizio ha curato la consegna orale della poesia. Fra i testi pubblicati, Antenata (Crocetti 1992), Fuoco centrale (Einaudi 2003), Senza polvere senza peso (Einaudi, 2006), Bestia di gioia (Einaudi 2010), Caino (Einaudi 2010), Sermone ai cuccioli della mia specie (Teatro Valdoca 2012).

Lorenza Ghinelli. Scrittrice nata a Cesena, vive a Santarcangelo. Autrice di racconti, poesie, opere teatrali e cortometraggi, ha collaborato come editor e sceneggiatrice con la Taodue e con la Scuola Holden come docente. Grande successo di critica e di pubblico ha ottenuto con Il divoratore pubblicato da Newton Compton nel 2011, tradotto in sette Paesi e opzionato per diventare film. La colpa, pubblicato sempre dalla Newton Compton è stato finalista al Premio Strega 2012.

Luciano Manuzzi. Regista nato a Cesena nel 1952 ma cesenaticense d’adozione. Il suo esordio avviene con Fuori stagione, film autoprodotto, e completato grazie ai fratelli Avati, che nel 1982 vince il David di Donatello come miglior esordio. Nel 1982 realizza Sconcerto Rock, a cui hanno fatto seguito un episodio di Sposi (1987), Sabato italiano (1992), I pavoni (1994). Ha diretto le fiction tv La tenda nera (1995), Lui e lei (serie televisiva) (1998), Il coraggio di Angela (2008) e Gli ultimi del Paradiso (2010). Ha appena terminato le riprese di Mister Ignis.

Ti potrebbe interessare anche...