Comuni gemellati. Cesenatico partecipe del bellissimo progetto di collaborazione europea da oltre 54 anni.

Comuni gemellati. Cesenatico partecipe del bellissimo progetto di collaborazione europea da oltre 54 anni.
Il presidente A.Soragni

CESENATICO. “Dal 22 al 26 agosto – comunica Angelo Soragni J., presidente del Consiglio comunale di Cesenatico – le delegazioni dei comuni gemelli di Cesenatico (Aubenas – Francia, Rodano Alpi, Zelzate – Belgio, Fiandre, Sierre – Svizzera, Canton Vallese e Schwarzenbek – Germania, Schleswig Holstein) parteciperanno all’assemblea plenaria dei Comuni gemellati che si terrà presso il nostro Comune”.

” In tale occasione – aggiunge la nota –  verranno, come avviene ogni biennio, rinsaldati e confermati dai nostri amministratori (il sindaco Roberto Buda ed il presidente del Consiglio comunale Angelo Soragni) i patti di buona amicizia tra tutte le città ed il giuramento del gemellaggio che oramai vede Cesenatico partecipe di questo bellissimo sodalizio e progetto di collaborazione europea da oltre 54 anni. Una forte vocazione, quindi, quella alle relazioni internazionali ed in particolare con gli altri paesi europei che da sempre ha contraddistinto il nostro Comune, meta culturale e di turismo per numerosissimi cittadini europei nel corso di questi 50 anni.
Vocazione alle relazioni ed alle iniziative di carattere europeistico sancita, poi, indelebilmente nel lontano 1974 con l’assegnazione alla nostra città dell’ambito Premio Europa nel corso di una celebrazione svoltasi a Strasburgo. Recentemente, nel dicembre 2012, il nostro Comune è stato, altresì, insignito a Roma del premio nazionale AICCRE per i gemellaggi meglio riusciti nel territorio italiano.Tale prestigioso iter che ha visto coinvolta Cesenatico per decenni, deve assolutamente continuare ad essere coltivato e preservato dalle nuove generazioni della nostra cittadina, che, vista l’età, mi onoro di rappresentare. In tale ottica, poi, una sempre più proficua collaborazione con le realtà gemelle, nel solco della tradizione e dei risultati fin qui ottenuti è da ritenersi assolutamente auspicabile in una Europa che si propone quale punto di riferimento per le future generazioni”.

 

 

 

Ti potrebbe interessare anche...

Inserisci un commento

l'email non verrà visualizzata

opzionale