Lido di Dante. Pubblicato il bando per il riassetto della scogliera.

Lido di Dante. Pubblicato il bando per il riassetto della scogliera.
La difesa delle scogliere. Immagine di repertorio.

LIDO DI DANTE. E’ stato pubblicato il bando per l’aggiudicazione della realizzazione dell’intervento, del valore complessivo di due milioni di euro, di riassetto e ricalibratura dell’attuale sistema di scogliere a protezione dell’abitato di Lido di Dante. Le offerte si ricevono fino alle 12.30 del 20 settembre e il bando è pubblicato nella sezione del sito del Comune (www.comune.ra.it) relativa appunto ai bandi di gara.

L’intervento, il cui obiettivo è quello di ottimizzare la risposta del sistema di opere rigide di difesa costiera presenti e quindi garantire una maggiore sicurezza per il centro abitato, integra e completa tutti i precedenti interventi realizzati nel corso degli anni (pennelli, difese in massi, ripascimenti e argini di protezione dalle mareggiate) per combattere erosione e subsidenza.

I lavori prevedono la ricalibratura, l’allargamento ed il rinforzo sia lato terra che lato mare della difesa in massi esistente; nel dettaglio si procederà ad allargare l’attuale difesa soffolta in modo tale da ottenere una larghezza della berma in sommità pari a venti metri, posizionata a quota zero sul livello medio del mare.

Inoltre sarà sistemato il varco centrale, che rappresenta la zona maggiormente sollecitata dalla corrente idrodinamica, mediante la realizzazione di una soglia sommersa. Saranno anche rinforzati i due pennelli laterali che collegano le scogliere alla spiaggia, in modo da garantire una adeguata resistenza laterale alle correnti in uscita dell’intero sistema di scogliere a protezione dell’abitato.

Nel frattempo, sempre per quanto riguarda la difesa della costa tra Lido di Dante e Lido di Classe, è stato approvato il primo stralcio, da due milioni e mezzo di euro, di un progetto preliminare che fa parte di un più ampio intervento, da 5,9 milioni, al centro di una intesa sottoscritta nei mesi scorsi da Comune, Regione, Parco del Delta del Po e Università di Bologna, in collaborazione con la Forestale.

Restando in tema di lotta all’erosione e protezione della costa, la giunta ha recentemente approvato, su proposta dell’assessore ai Lavori pubblici Andrea Corsini, un progetto preliminare definitivo del valore di 250mila euro per la ricalibratura delle scogliere emerse a Lido di Savio.

Tutti gli interventi citati saranno finanziati con fondi Eni.

Ti potrebbe interessare anche...

Inserisci un commento

l'email non verrà visualizzata

opzionale