Cesena. 400 insegnanti tornano sui banchi di scuola per parlare dei disturbi di apprendimento e di comportamento.

Cesena. 400 insegnanti tornano sui banchi di scuola per parlare dei disturbi di apprendimento e di comportamento.
Al lavoro 400 insegnanti. Immagini di repertorio.

CESENA. La campanella suona in anticipo per oltre 400 insegnanti delle scuole dell’infanzia e primarie di Cesena, e della Valle del Savio, che prima di salire in cattedra tornano sui banchi per “Benessere a scuola, una ‘due giorni’ di approfondimento sui disturbi del comportamento e dell’apprendimento (dall’ipertattività alla dislessia, dalla discalculia fino ad alcune forme di autismo, ecc.) e, più in generale, sulla gestione delle dinamiche in classe e il benessere a scuola.

Si tratta di un’iniziativa del tutto inedita, che mette insieme enti pubblici e degli enti del “privato sociale”, e che coinvolgerà, per la prima volta, tutti i docenti dei circoli didattici II, IV e VII di Cesena e quelli degli Istituti Comprensivi di Mercato Saraceno e Bagno di Romagna. Gli insegnanti cesenati si ritroveranno nelle giornate del 10 e 11 settembre nei locali della Club House dello Stadio Manuzzi, mentre per gli altri l’incontro si svolgerà nella sala consiliare del Comune di Bagno di Romagna nelle giornate del 12 e 13 settembre.

Entrambe gli incontri vedranno l’intervento di vari esperti (psicologo, psicoterapeuta, neuropsichiatra infantile, psicomotricista, ma anche nutrizionista e ortottista) e si articoleranno in due sessioni mattutine.

L’iniziativa è promossa dall’associazione “Insieme per crescere”, che si impegna sul fronte della formazione, educazione e promozione alla salute, e si inserisce nell’ambito di un progetto più ampio, avviato nella primavera scorsa con l’intento di creare le condizioni per meglio affrontare l’attività in aula, tenendo conto dei tanti elementi che oggi la rendono più complessa: primo fra tutti, il fatto che le classi sono sempre più numerose e hanno esigenze sempre più diversificate, perché quasi sempre sono presenti bambini con disabilità, con disagio culturale e linguistico, con disturbi di apprendimento certificati, con difficoltà di comportamento e relazione. Tutte situazioni che richiedono attenzioni diverse, metodi diversi in intervento, metodi diversi di relazione.

E’ partita così l’attività di un tavolo di lavoro che ha portato, durante lo scorso anno scolastico, alla realizzazione di un primo screening per i disturbi dell’apprendimento: realizzato grazie all’intervento volontario dei singoli professionisti e al sostegno di alcuni sponsor, in 4 mesi lo screening ha coinvolto 270 bambini di 17 classi distribuite in 3 circoli didattici, portando l’attenzione su una ventina di casi da sottoporre ad approfondimento diagnostico. Si tratta di un risultato statisticamente nella norma – e spesso in linea con le sensazioni e risultati raccolti delle insegnanti -; la cosa più importante è l’individuazione precoce di queste situazioni, in modo da poter definire fin da subito le scelte più adeguate per aiutare questi bambini a proseguire serenamente il percorso scolastico.

L’attività di screening proseguirà anche nel prossimo anno scolastico allargandosi a tutte le seconde classi dei circoli coinvolti

Ma si punta a realizzare anche interventi mirati nelle varie scuole, sulla base alle esigenze dei singoli plessi, coinvolgendo genitori, alunni e insegnanti.

Gli incontri dei prossimi giorni serviranno proprio – oltre che ad approfondire alcuni temi specialistici – a gettare le basi di questi progetti personalizzati.

Gli organizzatori tengono a sottolineare come gli incontri di “Benessere a scuola” e l’intero progetto siano nati dalla volontà di singoli professionisti di mettere a disposizione le proprie competenze in ambito sociale: competenze tecniche, sanitarie, didattiche, organizzative, mentre i costi vivi siano stati coperti interamente da sponsor (imprese locali, banche, associazioni di categoria). ”Possiamo parlare – osservano – di vera e propria “responsabilità sociale d’impresa”, finalizzata allo sviluppo del proprio territorio , all’acquisizione di nuove competenze messe a disposizione della cittadinanza, dei bambini e delle famiglie”.

Dal canto suo, l’Amministrazione comunale di Cesena ha dato il patrocinio e offerto il supporto organizzativo per la due giorni cesenate. “In un periodo in cui anche nel mondo della scuola emergono continue difficoltà, legate non solo ai problemi economici, – commentano il Sindaco Paolo Lucchi e l’Assessore alla Pubblica Istruzione Elena Baredi – è motivo di grande speranza vedere attivarsi un movimento così ampio e coinvolgente, per affrontare in modo nuovo e condiviso temi così delicati come quello dei disturbi di apprendimento. Al giorno d’oggi abbiamo a disposizione conoscenze approfondite e strumenti più adeguati per affrontare questi problemi: non riuscire a sfruttarli perchè non ci sono le risorse e gli insegnanti sono sopraffatti dalle incombenze quotidiane sarebbe paradossale e ingiusto, soprattutto per i bambini che ne sono colpiti e che hanno il diritto di poter contare su tutto il sostegno necessario”.

Di seguito il programma completo degli incontri.

Martedì 10 e mercoledi 11 settembre

Dalle 8:30 alle 13:30

Sede: Cesena

Giovedì 12 e Venerdì 13 Settembre 2013

Dalle 8:30 alle 13:30

Sede: Bagno di Romagna

Programma della prima giornata

8:30 – 10:15

Essere insegnanti oggi: sfida educativa in una professione sempre più complessa.

Come gestire le problematiche individuali e di gruppo all’interno delle classi?

Come decodificare i bisogni del bambino attraverso il linguaggio verbale e non verbale?

Confronto fra stili educativi: come ritrovare strategie vincenti?

L’insegnante spesso solo: Autostima dove sei?

Relatore: D.ssa Enrica Maffi – Psicoterapeuta Familiare

10:30 -11:15

Importanza della visione e dell’ambiente nelle dinamiche di apprendimento

Quanto l’ambiente esterno può influenzare l’attenzione del bambino in aula :

Illuminazione e postura degli alunni, esercizi pratici e veloci per migliorare Impugnatura della penna

Descrizioni sintomi che identificano un deficit visivo

Relatore: D.ssa Marta Brunelli – Ortottista Esperta in Riabilitazione Visiva

11:30-13:15

Linguaggio non verbale dei bambini: emozioni agite e modalità relazionali

Tappe dello sviluppo evolutivo del bambino, importanza del linguaggio corporeo e modalità di stimolo didattico attraverso attività corporee. Riconoscere ed interpretare le emozioni del bambino attraverso le sue azioni.

Relatore: D.ssa Marcella Ortali – Psicomotricista

Programma della seconda giornata

8:30 – 10:15

DSA – L’apprendimento non è un traguardo ma un processo:

Riflessioni tecnico-scientifiche e applicazioni metodologiche

Relatore: Dott. Fabio Scaliati – Psicologo – Esperto in DSA

10.30 – 11,15

Alimentazione che fa bene all’intelligenza

Alimenti che migliorano l’attenzione e spunti nutrizionali per agire sul comportamento attraverso la nutrizione

Relatore: D.ssa Anna Rita Palmieri – Dietista

11,30 – 13,15

BES – linee guida per il giusto l’approccio al bambino

DSA, ADHD, autismo, disagio socio economico – approccio clinico e spunti si riflessione su come affrontare le diverse situazioni

Relatore: Dott. Sergio Vitali – Med. Chir. Spec. Neuropsichiatria Infantile

L’iniziativa è sostenuta da Banca di Cesena, Confartigianato per il sociale, il Poliambulatorio Privato Kimeya, Orogel, Cils, Ipack srl.

Ti potrebbe interessare anche...