Notizie ( non solo) di calcio. E lo sapevate che Real e Barca spendono 10 volte più di mezza Liga?

Notizie ( non solo) di calcio. E lo sapevate che Real e Barca spendono 10 volte più di mezza Liga?
Ronaldo ( Real Madrid) in azione.

LA CRONACA DAL DIVANO. In attesa del turno infrasettimanale del campionato di calcio, spulciamo qua e là alla ricerca di qualche argomento da approfondire. Argomento, di solito, non da prima pagina, per noi, portati più autoledersi che a celebrarsi. Le schiere esterofile, infatti, sono numerose, variegate, diffuse anche dove meno lo si sospetta. Se parliamo, ad esempio, del ostro ‘campionatino’,  molto difficile è evitare  rimpianti, rambrotti, ammonimenti, mea culpa, cilici e  fustigazioni etc. etc.
Che volete farci,a  noi, da qualche tempo, piace soprattutto metterci a stuoino. Per cui gli altri sono sempre migliori. Più affascinanti, più stimolanti. Ci sono tecnici e giocatori che pur di volare nell’Altrove farebbero carte false. Quelli che già ci sono, naturalmente, manco si sognano di tornare nel Belpaese. Ma restiamo sul calcio. E (ri)poniamoci ( come la matrigna di Biancaneve) le solite domande: chi, dunque, tra i campionati di calcio d’Europa, è il più bello o il migliore? Risposte: Premier, Liga, Bundesliga e ( perfino) Ligue 1.
E noi, che abbiamo tanti titoli sul petto che avrebbero fatto  invidia ai generali della piazza Rossa in occasione delle sfilate del 1°Maggio dei tempi che furono, dove siamo passati ? Noi, sì, certo, ci siamo, anzi c’eravamo, ora semmai  siamo spariti. Dissolti. Nei cieli azzurri e trasparenti che si colorano del mare che ci avvolge.
Eppure, può capitare che una squadra biancoazzurra castighi i lanzichenecchi del Dormund. O che una squadretta rossonera , più di là che di qua, respinga oltre la Manica i guerrieri di Escocia. Ma, evidentemente, questi sono quisquilie per i nostri esterofili. Perchè  contano quel che contano. Chissà però se  essi mostrano un qualche interesse a quanto la ‘rosea‘, che se non ci fosse bisognerebbe inventarsela, ha proposto ( sabato scorso) ai suoi ( sempre affezionati) lettori?

RICCHI E POVERI DI SPAGNA. La Lfp ( Liga de futbol professional) ha pubblicato la classifica del tetto salariale ( o se vogliamo di spesa) delle 20 squadre partecipanti al campionato spagnola. L’immacolata e ( sempre) suggestiva Liga. Quella di Messi e ( dell’altro) Ronaldo.

Le due protagoniste del Clasico, Real e Barca, possono arrivare a 200 milioni, mentre Almeria, Rayo Vallecano, Valladolid, Levante, Elche e Celta devono fermarsi ad una quota compresa tra gli 11 e i 14 milioni. Più o meno allo stipendio netto del solo Messi. Osasuna, Granada, Getafe, Espanyol e Betis devono attestarsi tra i 14 e i 23 milioni. Molto meno di quanto percepisce al netto il solo Ronaldo. Dopodichè si sale ai 30/40 milioni di Malaga, Villareal, Real Sociedad e Atletic Bilbao; per chiudere con i 65/67 dell’ Atletico Madrid.
Allora, riassumendo, 200 per le due top e ‘ molto meno‘ per le altre. Con divari via via sempre più abissali. E lasciamo perdere la Segunda, ovvero la serie B. Ma non è tutto. L’intervento ( benemerito) della Lfp è dettato dalla necessità ( urgentissima)  di ridurre l’enorme indebitamento della Liga: 2700 milioni di euro, accumulati da uno spregiudicato passato dai club ispaniche. Vincitori, sì, na con quale prezzo. Se al debito sovra esposto, si aggiungono quelli del Real e del Barca si è arrivati ( nel 2012) a 3600 milioni, ma niente paura, perchè le due top ( capaci di incassare almeno 500 milioni annui cadauna) aiuteranno a rientrare. Forse a 2400 milioni già l’anno prossimo e ( meno di ) duemila l’anno successivo. Non è un ‘taglio‘ drastico, e scontato, ma qualcosa si sta facendo.

IL DITINO DEL FISCO. E se tutto fosse fermato qui, qualche raggio di sole si potrebbe ipotizzare. Il brutto, invece, arriva dal fisco. O meglio da quanto il loro fisco ( pur più generoso del nostro)  ha in credito. Al momento si parla che deve  ( ulteriori) 660 milioni ( 2012), scesi ( oggi) a 620. L’Atletico, ad esempio, deve 180 milioni, mica bruscolini. Il Malaga, bidonato dallo sceicco, per i debiti è stato estromesso dalla Uefa. In questo contesto la Flp fa quel che può. Chiaramente. Ad esempio ha imposto per l’anno in corso  ’  660 milioni di tetto salariale per le 38 squadre (di cui poc’anzi)’.
Chi sgarra potrà essere  escluso dalle competizioni. Potrà. Il tetto varrà anche per Real e Barca, i due ‘ panda’ del calcio iberico?
L’impressione che si ricava ( al momento) è che, per loro due, le norme restino quelle finora praticate. Loro restano eccezioni.  I due ‘panda’ potranno così continuare a spendere e spandere per stare in  scia degli spendaccioni ( senza controlli e tetti salariali ) del Golfo o del Caspio. E anche a monopolizzare la Liga, visto che  Real e Barca  hanno vinto ( spartendoseli) gli ultimi 9 titoli. E a impoverirla, ulteriormente, e col beneplacito ( indiretto, innocente) dei tanti nostri fans dell’Altrove, dove tutto riluce, dove tutto è sempre e soltanto meglio di quando si accoccola mestamente sotto il ( sempre tenero) sole del Belpaese.
ULTIME DAL CAMPIONATO – SERIE A. Milan come l’anno scorso: a destra, sulla parte B. B come Balotelli, il ragazzo nero dallo sguardo bisognoso d’affetto, che non trattenersi dalle sue inutili e dannose isterie. L’altra sera s’è beccato un rosso, che vorrà dire almeno due giornate di sosta. Non poco per un Milan a corto di danaro e di uomini, e che deve affrontare Champions e Campionato, con addirittura la Juve in arrivo. Piange il cuore. Vedere in tali ambasce ( e pericoli)  il vecchio Diavolaccio, che tanto ha illustrato nel Mondo il calcio nostrano.

Per il resto, sarà un infra abbastanza ‘ facile’ per le big: il Napoli ospita il ‘ massacrato’ Sassuolo e la Juve va a Chievo. Difficile da prevedere è Inter-Fiorentina; mentre per la Roma c’è la Samp che vuole darsi una mossa e per la Lazio c’è il Catania, insolitamente adagiato sul fondo classifica.

 

LE PARTITE. IV GIORNATA ( sabato) Cagliari-Samp 2-2, Chievo-Udinese 2-1, Genoa-Livorno 0-0; ( domenica), Sassuolo-Inter 0-7, Atalanta-Fiorentina 0-2, Bologna-Torino 1-2, Catania-Parma 0-0, Juve-Verona 2-1, Roma-Lazio 2-0, Milan-Napoli 1-2.
LA CLASSIFICA. Napoli e Roma, 12 punti; Inter, Fiorentina, Juventus, 10; Livorno e Toro , 7; Lazio e Verona,6; Cagliari, 5; Milan, Udinese, Genoa, Chievo, 4; Atalanta, 3; Bologna, Samp e Parma, 2; Catania, 1; Sassuolo, 0.
PROSSIMO TURNO ( martedì 24 settembre) Udinese-Genoa ( ore 20,45); ( mercoledì 25, ore 20,45) Bologna-Milan, Chievo-Juventus, Lazio-Catania, Livorno-Cagliari, Napoli-Sassuolo, Parma-Atalanta, Samp-Roma, Torino-Verona; ( giovedì 26, ore 20,45) Inter-Fiorentina.

I MARCATORI. 4 reti, Hamsik ( Napoli); 3 reti Rossi ( Fiorentina), Vidal ( Juventus), Paulinho ( Livorno), Callejon ( Napoli) (* da verificare).

 

 

Ti potrebbe interessare anche...