Rassegna ortofrutticola (Cesena 25-27 settembre). Ma il summit sul kiwi anticipa Macfrut 2013.

Rassegna ortofrutticola (Cesena 25-27 settembre). Ma il summit sul kiwi  anticipa Macfrut 2013.
Kiwi ( imm. repertorio)

CESENA. Il summit, da alcuni anni, si tiene il giorno prima dell’inaugurazione di MACFRUT, la rassegna internazionale della

e determina un importantissimo appuntamento di alto profilo su uno degli aspetti specifici del settore Negli anni scorsi, ad esempio, si affrontarono le problematiche dei consumi, poi di mele-pere-ortaggi (2011) e fragole (2012). L’edizione 2013 è su ‘Il mondo del kiwi fra emergenza e mercato – Le eccellenze si confrontano’, organizzato da Macfrut in collaborazione con il CSO, con inizio alle ore 10.

IL CALENDARIO. Si inizia con i saluti delle Autorità per poi entrare nella ‘sezione’ dedicata allo Scenario, che viene moderata da Roberto Della Casa, Università di Bologna. La prima relazione ‘Le previsioni di produzione 2013/2014 e l’impatto economico della batteriosi’ viene tenuta da Elisa Macchi, direttore CSO, segue ‘I nuovi mercati: numeri, tendenze e barriere’ di Marco Salvi, presidente Fruitimprese.
Alle ore 11:30 c’è la Tavola rotonda su ‘La situazione della batteriosi’ con Raffaele Testolin, Facoltà di Agraria Università di Udine; Guido Cipriani, CRA Roma; Mario Scortichini, CRA Caserta; Graziano Vittone, Sezione tecnica colturale e Coordinatore coordinamento CRESO; Alberto Contessi, Servizio Fitosanitario Regione Emilia-Romagna; Giovanni Zannini, Servizio Fitosanitario Regione Veneto; Giacomo Michelatti, Servizio fitosanitario regione Piemonte; Luciano Nuccitelli, Servizio fitosanitario regione Lazio; e un rappresentante del MiPAAF.
Alle ore 14:30 si tiene l’incontro ‘Le esigenze‘, moderato da Alessandro Fornari, di Kiwifruit of Italy con le relazioni: produrre kiwi nell’era della PSA di Joel Vanneste – Institute of Plant & Food Research New Zealand; La ricerca, verso nuovi orizzonti di Caihong Zhong – Wuhan Botanical Garden, Chinese Academy of Sciences, China; Fra prodotto e organizzazione, nuovi e vecchi competitori di Carlos Cruzat – Comité del Kiwi (Asoex) Cile. Dopo il dibattito sulle due sessioni, alle ore 16:30 le conclusioni di Paolo Bruni, presidente CSO.

LA CINA E IL KIWI. Quando si parla di kiwi occorre aver presente la Cina, che è sicuramente il principale paese produttore, però, non esistendo stime ufficiali sulla reale consistenza degli impianti e delle produzioni, pare che, dalle ultime informazioni, il Paese abbia superato il milione di tonnellate, di cui non si conoscono però gli aspetti qualitativi. Se non consideriamo la Cina, l’Italia è il primo paese produttore di kiwi nel mondo.
La produzione commercializzabile mediamente è pari a circa 430.000 tonnellate, ma è stata in grado anche di avvicinarsi alle 480.000 in anni abbastanza recenti, la Nuova Zelanda è sui 360.000 e la produzione del Cile si aggira a 240.000 tonn. Se consideriamo la produzione dell’Emisfero Nord (sempre escluso la Cina), l’Italia detiene oltre il 60% dell’offerta, seguita, ma a notevole distanza, dalla Grecia (circa 120.000 tonnellate nel 2012). La produzione italiana è concentrata in quattro regioni: il Lazio che detiene circa il 30% dell’offerta nazionale, il Piemonte, con circa il 20%, l’Emilia Romagna, con il 16% e il Veneto con il 15%.

 

 

 

 

Ti potrebbe interessare anche...