Santarcangelo. Nella manovra di Bilancio: ‘Sostegno ai ragazzi disabili, nidi e riapertura Supercinema’.

Santarcangelo. Nella manovra di Bilancio: ‘Sostegno ai ragazzi disabili, nidi e riapertura Supercinema’.
Inaugurazione Sant 094

SANTARCANGELO d/R. La verifica dello stato di attuazione dei programmi e il conseguente varo della manovra adottata sabato scorso dal commissario straordinario Clemente Di Nuzzo hanno immediatamente assicurato la copertura finanziaria ad una serie di servizi che richiedevano una urgente implementazione di risorse per circa 100.000 euro.
Nel dettaglio, è stata garantita la presenza degli educatori di sostegno ai ragazzi disabili che frequentano la scuola dell’obbligo per l’intero anno scolastico 2013/2014 (la spesa ammonta a circa 32.000 euro), mentre restando sempre nell’ambito educativo sono già state avviate le procedure per il ripristino di scorte per i due nidi (pannolini, detersivi, materiale vario di consumo) per una spesa di altri 8.000 euro. Conclude gli interventi in campo scolastico il finanziamento di 20.000 euro per nuove progettazioni tecniche specialistiche, necessarie per predisporre interventi di miglioramento sismico di alcuni edifici scolastici. Con 10.000 euro, invece, è stata finanziata la riattivazione – dopo un’attenta verifica rispetto all’effettiva necessità – di un certo numero di lampioni prima spenti per risparmio energetico.
Fra gli altri servizi finanziati, quelli per l’irrigazione dei parchi pubblici, per la prossima riapertura del Supercinema in occasione della stagione cinematografica 2013/2014 (anche per assicurare la funzionalità in vista della possibilità di passare alle proiezioni in digitale) e per gli interventi di manutenzione straordinaria alla pista di atletica per circa 5.000 euro che permetteranno l’accensione di un prestito da parte della società che gestisce l’impianto. In tal senso, al fine di assicurare l

’immediata operatività dell’intervento è già stato convocato un incontro fra le parti per i primi giorni della prossima settimana.

EVENTI

69° anniversario della Liberazione di Santarcangelo

Il 69° anniversario della Liberazione di Santarcangelo dal nazi-fascismo è stato ricordato dall’Amministrazione comunale questa mattina (martedì 24 settembre), con la cerimonia ufficiale tenutasi nel giardinetto situato nella parte alta di via Pozzo Lungo (all’intersezione con via Rocca malatestiana). Qui è stata apposta, in collaborazione con Anpi, una targa in ricordo della partigiana santarcangiolese Ida Semprini, alla presenza delle autorità locali e dei familiari.
In apertura della cerimonia ha preso la parola il commissario straordinario Clemente Di Nuzzo, che sottolineando la continuità da parte dell’Amministrazione comunale nel porre attenzione alla Resistenza e alla Liberazione, si è soffermato sulla figura di Ida Semprini, che col suo impegno politico seppe precorrere l’emancipazione femminile e rappresentò un modello che ispirò tanti uomini e donne santarcangiolesi che si avviavano alla lotta partigiana, ovvero al sostegno di tale giusta causa. Il suo impegno quotidiano per la causa della democrazia e della libertà costituisce ancora oggi un grande esempio per le giovani generazioni.
Sul ruolo della donna nella Resistenza si sono soffermate nei loro interventi anche Leonina Grossi, consigliera provinciale alle Pari Opportunità, e Giusi Delvecchio, presidente dell’Anpi di Santarcangelo, che hanno ricordato il contributo fondamentale, spesso passato inosservato, delle donne alla lotta di Liberazione nazionale. Grande emozione ha suscitato la lettura di un appello di Ida Semprini alle madri santarcangiolesi ad incitare i loro figli ad aderire alla lotta partigiana. Le celebrazioni si sono concluse con la scopertura della targa dedicata a Ida Semprini da parte delle autorità presenti e dei familiari intervenuti per l’occasione, tra cui i figli Amerigo (Dervis) e Gastone.
Concluse le celebrazioni ufficiali nel giorno della Liberazione, resta visibile fino alla fine della settimana la mostra a pannelli dedicata alla ‘Storia della Costituzione italiana‘, organizzata da Anpi Santarcangelo in collaborazione con l’Amministrazione comunale ed esposta sotto il loggiato del Municipio.

LA BIOGRAFIA. Ida Semprini nasce a Santarcangelo il 14 aprile 1897. Partigiana del 3° Battaglione della Brigata SAP, durante la guerra di Resistenza mise a disposizione la propria abitazione di via Pozzo Lungo per lo svolgimento di riunioni clandestine, il deposito di armi e munizioni e l’ascolto di Radio Londra. Si prodigò inoltre – ricorda il libro ‘La notte delle bandierine rosse’ di Gianni Fucci e Serino Baldazzi – nell’aiutare ed ospitare prigionieri inglesi e a procurare viveri per i prigionieri russi, concentrati nella vicina Fornace Salci. Da lei il figlio Amerigo, insieme ad altri coetanei, apprese le prime nozioni di politica e fu avviato alla lotta contro il nazi-fascismo. Ida Semprini è scomparsa il 6 maggio del 1970.
La scelta di ricordare Ida Semprini si collega direttamente al 70° anniversario della nascita del ‘Gruppo di difesa della Donna’ (Milano, novembre 1943), la prima grande organizzazione femminile – spiega il sito dell’Anpi – la cui caratteristica fondante era l’unitarietà, perché aperta ad ogni donna senza discriminazioni sociali o politiche.
I GDD organizzavano scioperi contro i nazi-fascisti, crearono una rete di assistenza solidale alle famiglie dei deportati, incarcerati e dei caduti, propagandavano la resistenza sia pubblicando giornali sia contribuendovi attivamente nella vita quotidiana come nelle fabbriche, per il sabotaggio della produzione di guerra, nelle scuole e nelle campagne per boicottare la consegna di viveri all’ammasso. Una ricorrenza che sarà celebrata dall’Anpi di Santarcangelo con numerose iniziative tra la fine del 2013 e l’inizio del 2014.

 

Ti potrebbe interessare anche...