Ravenna. Boccaccio in Romagna: manoscritti, incunaboli e cinquecentine nelle biblioteche romagnole.

Ravenna. Boccaccio in Romagna: manoscritti, incunaboli e cinquecentine nelle biblioteche romagnole.
Giovanni Boccaccio. Immagine di repertorio.

RAVENNA. In occasione del settimo centenario della nascita di Giovanni Boccaccio, le Biblioteche Classense di Ravenna e Malatestiana di Cesena hanno organizzato una esposizione volta a rivisitare il patrimonio bibliografico di tutte le biblioteche di Romagna, quella Romagna che Boccaccio visitò più volte, con una particolare predilezione per Ravenna, che serbava le memorie dantesche.

L’intento dei curatori – Paola Errani, Claudia Giuliani e Paolo Zanfini, coadiuvati da studiosi che hanno approfondito in sede di catalogo diversi aspetti storico critici – è quello di delineare una mappa utile per esplorare e approfondire il complesso capitolo della fortuna di Boccaccio nella terra che lo vide ospite presso le piccole corti dei da Polenta a Ravenna e degli Ordelaffi a Forlì (il primo soggiorno fra 1345e 1347, l’ultimo nell’inverno 1361-1362), fortuna che si tradusse in circolazione libraria della sua produzione letteraria e relativa traduzione figurativa – basti ricordare la celeberrima realizzazione pittorica della Novella di Nastagio degli Onesti, tutta ravennate, attribuita alla mano ed alla scuola di Sandro Botticelli.

I pezzi esposti, dieci manoscritti, sei incunaboli e sessantanove edizioni del XVI secolo, corredati dell’analisi sistematica degli esemplari, “raccontano” della storia editoriale e insieme della lettura dei libri posseduti da sedici biblioteche, presenti nelle tre province romagnole, e dalla Biblioteca di Stato di San Marino.

L’iniziativa viene realizzata dalle biblioteche promotrici con il contributo dell’Istituto per i beni culturali della Regione Emilia-Romagna e con il patrocinio dell’Ente Nazionale Giovanni Boccaccio.

La mostra alla Biblioteca Classense è stata inaugurata sabato 5 ottobre e sarà aperta martedì – sabato 10.00-13.00 e 15.00-18.00, sabato 12 ottobre 10.00-13.00 e 15.00-21.00; domenica 1° dicembre 10.00-13.00 e 15.00-18.00. Chiuso lunedì e festivi.

Visite guidate alla mostra per scuole e gruppi su prenotazione

Per informazioni e prenotazioni: 0544.482112 - segreteriaclas@classense.ra.it

Ti potrebbe interessare anche...