Notizie( non solo) di sport. Chiude la Nazionale, con l’Armenia. Anche se è sempre Balo a tenere banco.

Notizie( non solo) di sport. Chiude la Nazionale, con l’Armenia. Anche se è sempre Balo a tenere banco.
Balo in lacrime ( repertorio)

NOTIZIE ( NON SOLO) DI SPORT. Traccheggia l’Alitalia, mai in pace; si ventilano ‘tagli’ alla Sanità. Qui si continua a penare, tagliare, aumentare costi, nulla che lascia adito alla speranza. Eppure  Letta dice ” Daremo tre anni di stabilità”. Non si dice neppure più ” non ci crediamo”; tanto è ovvio. Ma quando usciremo ( se usciremo) dal tunnel in cui si siamo andati ( non da soli)  ad infognare?
Dov’è la ‘riformata’ Europa dei diritti della ragione davanti alle bare deposte di continuo sul generoso suolo di Lampedusa? Il grido sommesso ma deciso di papa Francesco è già stato dimenticato? Tra noi, italiani, e gli altri, europei, facciamo chi fa peggio? E così che si costruisce l’Europa delle sfide globali? E così che si ridà speranza?
I TRUCCHI E IL DOPING. E se passiamo nell’isola ( non felice) dello sport che ci capita davanti agli occhi? Nei motori, davanti all’inaudito strapotere Red Bull, un vecchio ma credibile costruttore come Minardi, aveva notato ‘ qualche rumore sospetto’; oggi, anche alla Mercedes avanzano domande. ” Che fanno con la mappatura del motore e i gas di scarico? C’è forse qualche trucco in atto?”.

Sul versante doping non bastavano i soliti che ecco apparire i nuovi. I belgi, che in questi ultimi due o tre anni, si son fatti notare in più d’una disciplina sportiva, che non è il ciclismo, cominciano a farsi ‘pizzicare‘. Van Snick, judoka, bronzo a Londra, è risultata positiva alla cocaina ai Mondiali di Rio: ora rischia 2 anni di sospensione. Inoltre, la Wada indaga sui controlli non fatti nel 2012 sul meraviglioso mondo della velocità caraibica. Sul signor Licciardi, invece, fondista,  per il ‘ pene finto‘ utilizzato al controllo antidoping per il campionato italiano 10 chilometri di strada  incombono due anni di squalifica. Punizione che tornerà, di certo, sul capo del ciclista Di Luca,  ripizzicato all’antidoping. Per lui c’è il rischio della ‘squalifica a vita‘. E l’elenco non è tutto qui.
Ma quanto avremo la soddisfazione, se mai ce la concederanno,  dei controlli Wada anche sugli sport ( cosiddetti) maggiori ? Gli sport degli uomini copertina, ovvero di quelli che non sanno più manco dove depositare i loro cumuli di denaro?  E, pure,  sulle formidabili  squadre ‘corridore‘? Che tutti asfaltano?  Tony Renis direbbe: quando, quando, quando ?

BALO E SEMPRE BALO. Per la questio Scampia, il nostro Balo s’è preso perfino ‘ dell’imbecille‘. Per quello che avrebbe twittato. Sembra. Certo è che non lo lasciano in pace un attimo. Poi, ovvio, il resto l’aggiunge lui. Come nel caso recentissimo del ‘pugno‘ alla telecamera del cameraman  Mediaset. In campo, però, è una gioia agli occhi. E soprattutto a quelli dei bambini e dei tanti stranieri ( o extra comunitari) che ormai risiedono nel nostro Paese.
Ma giocherà o no con l’Armenia, dove una nostra vittoria ci porrebbe testa di serie al sorteggio per il Mondiale? Il buon Prandelli, si sta facendo in quattro per tirare la copertina corta che gli offre Mario. Dovrebbe averlo riperdonato, ma comincia a stufarsi. Come con Cassano. Si avverte, il malumore del mister azzurro, perchè vola nell’aria. Eppure con Mario a posto, e qualche altro giovane di talento che non ci manca, oltre ad un blocco Juve rigenerato,  potremmo anche sperare nella penta Coppa. Da sollevare, nella prossima estate,  sulla spiaggia di Rio.

Sulle qualificazioni ai Mondiali, 14 sono già in Brasile ( oltre a Italia, Belgio, Germania, Olanda e Svizzera, Usa, Australia, Brasile, Argentina e Colombia). In bilico Portogallo, Francia e Uruguay. Anche Inghilterra ( il paese della mitica Premier) e Messico in bilico. Turno quindi accattivante.
Tra parentisi, invece, per quel che riguarda gli scenari nostrani, il ‘processo’ di Galliani e Allegri al Milan. Ma come, non dovrebbero essere loro due i processati? Chi  infatti ha assemblato tanti talenti e chi li sta mettendo in campo? Come a Caen, serie B francese, paese del giovanissimo Niang, dove sono entrati tutti in campo fuorchè il Milan?

Complimenti infine  all’Under 21 di Di Biagio, per lo 0-1 in Belgio. Già il Belgio. Un saluto invece a Rolly Marchi, scomparso in questi giorni, e che fece conoscere la neve agli italiani. Inventò infatti il mitico Trofeo Topolino. 

Ti potrebbe interessare anche...