Ravenna. Torna l’appuntamento con la rassegna del Teatro Dialettale Romagnolo.

Ravenna. Torna l’appuntamento con la rassegna del Teatro Dialettale Romagnolo.
Empty Stage

RAVENNA. La stagione 2013-2014 del teatro dialettale romagnolo riparte sabato 26 ottobre 2013 alle 21.00 al teatro Manzoni di San Pietro in Vincoli con lo spettacolo “Una dona da sunzen” di Bruno Gondoni.

La rassegna ritorna, a grande richiesta, dopo due anni di interruzione: il periodo di pausa è servito ai curatori della manifestazione per riorganizzare il cartellone, introducendo temi nuovi, spunti di riflessione attuali inseriti nel tradizionale programma che da sempre contraddistingue l’iniziativa.

Non solo commedie, ma testi di autori raffinati come quelli del ravennate Bruno Gondoni, che più di ogni altro ha saputo raccontare i problemi del nostro tempo calandoli in un contesto popolare, ricco di calore umano.
Dieci spettacoli, ogni sabato alle ore 21.00, per mantenere viva una tradizione di teatro dialettale che non ha niente da invidiare, per sfumature e profondità, alle produzioni in italiano.

La rassegna è dedicata ai fratelli Gioacchino e Lino Strocchi, che più di ogni altro si sono spesi perchè la commedia dialettale romagnola acquistasse la visibilità che merita nel panorama del teatro di posa.

L’iniziativa si inserisce nell’intensa attività di promozione e recupero delle tradizionali forme di cultura popolare che vede impegnata da anni Capit Ravenna con il contributo della Banca di Credito Cooperativo: questa politica ha permesso di contenere i prezzi del biglietto senza praticare aumenti.

La nuova rassegna vuole rappresentare una sintesi tra la classica programmazione degli anni passati e il tentativo di coinvolgere un vasto pubblico eterogeneo in un’edizione che si segnala per il garbo elegante e lo stile delle rappresentazioni proposte.

Numerosi i soggetti coinvolti nel progetto di sviluppo del teatro dialettale romagnolo: Comune di Ravenna (Circoscrizione San Pietro in Vincoli), Pro Loco Decimana, Istituto Friedrich Schurr, Circolo Culturale “Ville Unite”. Un teatro vivo e attuale per un sabato sera con la nostra storia e il nostro futuro.

Ti potrebbe interessare anche...

Inserisci un commento

l'email non verrà visualizzata

opzionale