Faenza Malpezzi rispedisce al mittente le accuse di assenteismo rivolte ai suoi assessori

Faenza Malpezzi rispedisce al mittente le accuse di assenteismo rivolte ai suoi assessori
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Faenza. ” Ricevo e leggo con stupore, dichiara Malpezzi, l’interrogazione presentata il 15 novembre, dal Consigliere del PDL, Alessio Grillini, in merito alle presunte assenze dei miei Assessori alle riunioni di Consiglio Comunale. Evidentemente il Consigliere non ha argomentazioni da opporre alla mia Amministrazione, se non lanciare affermazioni prive di sostanza. E’ pretestuoso prendere a riferimento un orario – successivo alla mezzanotte – di una riunione di Consiglio durata oltre 5 ore. Vista la strumentalità del Consigliere Grillini, gli rispondo pubblicando in calce alla presente una foto scattata alle ore 21 della stessa riunione, in cui si può notare il vuoto integrale degli scranni della minoranza, salvo uno (non il suo). Cosa significa ? Nulla. Basta cogliere l’attimo (carpe diem).  In ogni caso, non è vero che i miei Assessori partecipano al Consiglio solo per illustrare le rispettive delibere, ma mediamente assicurano una buona presenza. Faccio notare che il Sindaco in quasi 4 anni non è MAI mancato ad una riunione, assicurando una partecipazione costante per tutta la durata delle sedute. Per consentirmi la presenza permanente in Consiglio, spesso gli Assessori vengono inviati in mia vece ad iniziative pubbliche od altre riunioni.
Comunque, continua Malpezzi, il Consiglio Comunale è, per legge, l’assemblea dei consiglieri comunali, che – se assenti – devono giustificarsi. Cosa non richiesta, invece, agli Assessori, la cui presenza in Consiglio è opportuna, ma non necessaria, in quanto essi non votano. Le proposte di delibera possono essere presentate da un tecnico o dallo stesso Sindaco, anche se rientranti nelle materie delegate agli Assessori.  Allo stesso modo, i Ministri partecipano alle riunioni del Parlamento solo quando necessario o richiesto.  In Giunta Comunale i miei Assessori assicurano una presenza costante, tutti i martedì, in media nelle oltre quattro ore di riunione. A tutti ho chiesto e continuerò a chiederlo, massima presenza alle riunioni degli organi istituzionali, salvo situazioni di effettivo impedimento.  E’ ben vero che dei miei sette Assessori, quattro svolgono un proprio lavoro: due sono liberi professionisti, uno è un piccolo imprenditore ed uno lavora a tempo parziale presso l’AUSL (in quest’ultimo caso, lo stipendio AUSL e l’indennità da Assessore sono dimezzati). Ciò nonostante, tutti i miei Assessori assicurano un impegno assiduo durante tutto l’arco della settimana, dedicando al Comune un rilevante numero di ore di servizio, anche in giorni festivi. Faccio infine presente, conclude il primo cittadino di Faenza, al Consigliere Grillini, che il costo degli organi istituzionali (Giunta e Consiglio) non rientra fra le voci di spesa del personale, e che la riduzione da me purtroppo applicata al fondo di incentivazione dei Dirigenti è stata di gran lunga superiore (in percentuale ed in valore assoluto) rispetto a quella degli altri dipendenti comunali. Quindi Grillini, invece, di seminare zizzania, si informi meglio.
Per quanto sopra, non ritengo di dover assumere provvedimenti nei confronti dei miei Assessori, valutando l’impegno dimostrato all’altezza dell’incarico loro affidato. E quando il Sindaco o la maggioranza Consigliare non sarà più soddisfatta del loro operato, non esiterò a revocargli il mandato amministrativo.”

Ti potrebbe interessare anche...

Inserisci un commento

l'email non verrà visualizzata

opzionale