Bellaria, Il software del comune per la gestione del commercio ambulante su suolo pubblico fa scuola

Bellaria, Il software del comune per la gestione del commercio ambulante su suolo pubblico fa scuola
stemmaBellariaIgeaMarina

Bellaria. Un tavolo di lavoro per discutere la nuova normativa regionale sul commercio ambulante in aree pubbliche e per predendere in esame l’adozione in altri comuni del sofware informatico in uso a Bellaria per la gestione di questa materia. Si è svolto ieri presso il Comune di Bellaria Igea Marina un incontro promosso dall’Assessorato Attività Economiche cui hanno preso parte la Regione Emilia Romagna nella persona del Dott. Marco Borioni, e i comuni della Valmarecchia e dell’Alta Valmarecchia, Cattolica, Cervia, Cesena, Cesenatico, Misano Adriatico, Montecolombo, Riccione, Rimini, Saludecio, San Giovanni in Marignano: sul tavolo, le recenti modifiche apportate a livello regionale in tema di commercio ambulante su aree pubbliche e l’estensione territoriale del software definito dall’Amministrazione Comunale di Bellaria Igea Marina per la gestione e la condivisione dei dati riguardanti il commercio e la regolarità contributiva. Lo stesso programma informatico, frutto della collaborazione con l’Azienda Zucchetti & Tools, era già stato oggetto, nello scorso aprile, di un primo incontro promosso dall’Amministrazione con alcuni comuni limitrofi. Obiettivo, la costituzione di una banca dati accessibile ai diversi comuni della Provincia per la verifica della regolarità contributiva: un notevole risparmio di tempo, perché basato sulla collaborazione e sullo scambio di conoscenze, possibile grazie alla moderna piattaforma informatica di cui il Comune dispone, che è anche alla base del servizio di certificazione e autocertificazione on line. Più in generale, come spiega oggi l’Assessore alle Attività Economiche Loretta Scaroni, “l’iniziativa si inserisce nelle attività del tavolo di lavoro condiviso promosso dal Comune di Bellaria Igea Marina, al fine di collaborare con gli altri enti e offrire alle imprese che operano nel commercio sulle aree pubbliche del territorio, come gli ambulanti delle fiere e dei mercati, un quadro di risposte univoce sul piano burocratico, soprattutto rispetto ai cambiamenti in atto ( – ad esempio in tema di scadenze, programmazione, concessioni).” Prossima scadenza importante per l’intero settore, quella del 31 gennaio, data entro la quale i titolari di autorizzazioni di commercio su aree pubbliche dovranno presentare ai comuni la documentazione necessaria al fine della richiesta del Durc (Documento unico di regolarità contributiva) e l’inserimento nelle liste d’attesa.

Ti potrebbe interessare anche...