Cervia. Sipario su ‘Il Sale della Storia’.

Cervia. Sipario su ‘Il Sale della Storia’.
Il Sale della Storia. Immagine di repertorio.

CERVIA. Si conclude mercoledì 27 novembre 2013, alle ore 16,30, nei locali della Biblioteca Comunale Maria Goia di Cervia (Circonvallazione Sacchetti), il programma della manifestazione “Il Sale della Storia. Cervia e la Romagna tra passato e presente”.

Si conclude con un bilancio molto positivo, sia in termini di partecipazione che di interesse per le tematiche degli incontri. L’ultimo appuntamento è dedicato a: “IL NOVECENTO DI CERVIA E MILANO MARITTIMA. VILLINI, ALBERGHI, COLONIE ED ESPRESSIONI ARTISTICHE TRA IL LIBERTY E IL RAZIONALISMO”. Relatore sarà Renato Lombardi.

Nel corso dell’iniziativa verranno proiettate suggestive immagini d’epoca, con il supporto tecnico di Massimo Evangelisti. L’iniziativa assume rilievo perchè approfondirà un aspetto molto interessante della storia del turismo cervese dei primi decenni del Novecento. Il relatore presenterà i risultati di varie ricerche realizzate nel corso degli ultimi anni, dalle quali è scaturita la realizzazione di importanti mostre e pubblicazioni. Tra queste di rilievo sono state le mostre dedicate al Centenario di Milano Marittima e a Matteo Focaccia, un eclettico architetto tra Liberty e Razionalismo.

In concomitanza con queste mostre sono stati realizzati dei pregevoli cataloghi. Un’altra tappa importante di queste ricerche è stato il libro, sulla storia delle colonie di Cervia e Milano Marittima, a cura di Giancarlo Cerasoli e Brunella Garavini, presentato in un recente incontro de “Il sale della Storia”.

L’iniziativa del 27 novembre va vista anche nell’ottica di creare un Parco del Novecento che coinvolga le maggiori città romagnole e nella prospettiva di far svolgere alla città di Cervia il ruolo di “spiaggia dell’Expo 2015”. Tra l’altro dopo la grande mostra dedicata al Novecento del 2013 ai Musei San Domenico di Forlì verrà allestita nel 2014 una mostra dedicata al “Liberty” di rilievo internazionale. Anche la realtà cervese si prepara a dare un contributo per l’approfondimento di queste tematiche in sede locale, relative ad anni (i primi quattro decenni del Novecento) nei quali per Cervia e per Milano Marittima si pongono le basi per il passaggio dall’antica “città del sale” alla moderna “città turistica” e per il passaggio dal “turismo d’elite” e residenziale al “turismo di massa”.

Per Cervia si parla di una realtà storica di alcune centinaia di “villini”, di cui ne rimangono oggi una quarantina, sottoposti a vincolo di carattere urbanistico. Storicamente furono poco meno di venti le pensioni e gli alberghi costruiti fino al 1940 in tutto il territorio cervese e una dozzina furono le colonie, di cui gli esempi più eclatanti rimasti sono costituiti dalle colonie Monopoli di Stato (in origine Montecatini) e Varese, che versano oggi in uno stato di abbandono.

L’iniziativa “Il Sale della Storia” è promossa dall’Associazione Culturale Casa delle Aie Cervia, in collaborazione con: Consulta del Volontariato, Gruppo Culturale Civiltà Salinara, Circolo Pescatori la Pantofla, Gruppo Archeologico Cervese, Associazione Culturale Castiglionese Umberto Foschi, Libera Università per Adulti di Cervia, Associazione Amanti della Pineta ed ha il patrocinio del Comune di Cervia.

L’ingresso è libero.

Ti potrebbe interessare anche...