Domani al via il ciclo d’incontri Dire Fare Comunicare organizzato dalla regione

Domani al via il ciclo d’incontri Dire Fare Comunicare organizzato dalla regione
d'averio

Bologna. Sarà Philippe Daverio con una lezione su design e linguaggi tecnologici ad aprire domani a Faenza il ciclo di seminari intitolato “Dire, fare, comunicare – Il linguaggio nella vita e nel lavoro”, dedicato agli studenti degli Istituti Tecnici Superiori, le scuole di tecnologia post diploma che formano tecnici altamente specializzati.
Quattro incontri, voluti e finanziati dalla Regione Emilia-Romagna per arricchire e qualificare i percorsi biennali degli ITS oltre che per favorire l’integrazione e la complementarietà fra i percorsi formativi,  organizzati dalla Fondazione dell’Istituto Tecnico Superiore per le Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione (FITSTIC) che ha sede a Cesena.
“Questi seminari rappresentano un occasione per approfondire tematiche trasversali a tutti i percorsi degli istituti tecnici superiori, che devono formare tecnici specializzati dotati di competenze operative ma anche critiche e relazionali – spiega l’assessore regionale alla Formazione e al Lavoro Patrizio Bianchi – L’Emilia-Romagna ha scelto di investire nella Rete Politecnica, segmento cruciale dell’infrastruttura formativa regionale, e in particolare nei percorsi biennali realizzati dagli Istituti tecnici Superiori (ITS), come politica di sviluppo che coniuga innovazione e territorio verso l’economia della conoscenza”.
Il primo dei quattro seminari in programma si svolgerà domani giovedì 28 novembre, alle ore 18, presso il cinema Sarti (Faenza, via Scaletta 10) e sarà aperto al pubblico.
Philippe Daverio
illustrerà, a studenti, docenti e imprese del territorio come oggi sia sempre più necessario saper comunicare e come il “design della comunicazione”, cioè la progettazione e produzione di qualsiasi evento comunicativo, sia diventato un elemento trasversale a tutti i settori produttivi per trasmettere informazioni ed emozioni usando la tecnologia e tutti gli strumenti multimediali e multicanali.
Il secondo appuntamento, a dicembre, si svolgerà a Rimini, presso l’Istituto tecnico per il turismo “Marco Polo”, dove il giornalista Salvatore Giannella parlerà del linguaggio della cultura e di come il turismo culturale possa rappresentare una risorsa ed un elemento di sviluppo per un territorio. A lui si affiancherà Luigi Mattei, responsabile scuola e associazioni locali dell’Associazione Tonino Guerra.
Il ciclo proseguirà a fine gennaio sul tema della creatività, innovazione tecnologica, stili di vita e sviluppo economico per le piccole e medie imprese del territorio con la lezione di Barbara Longiardi (creatrice di Romagna Creative District, social network di creativi operanti nei campi della comunicazione, moda, design, arte, musica, videomaking, architettura, teatro e webdesign che risiedono prevalentemente nelle province romagnole) e Carlo Boccazzi Varotto (ideatore di Digital Festival e Fabermeeting a Torino).
Il ciclo seminariale si chiuderà poi con l’attore e scrittore Ascanio Celestini, che presenterà ai ragazzi il lavoro teatrale “Fabbrica. Il lavoro: come cambia, come ci cambia”. Il racconto di tre generazioni di operai e del loro vissuto all’interno della fabbrica, a partire  dai primi del novecento per attraversare la Grande Guerra, il fascismo e la seconda guerra mondiale, che farà conoscere ai giovani allievi degli Its il tema del lavoro, il tema della memoria attraverso il richiamo a fatti e personaggi della nostra storia e il tema del linguaggio, grazie all’uso della parola ritmato e incalzante di Celestini.

Ti potrebbe interessare anche...

Inserisci un commento

l'email non verrà visualizzata

opzionale