“La compagnia senza barriere” in scena a Cesenatico col “Prometeo liberato”

“La compagnia senza barriere” in scena a Cesenatico col “Prometeo liberato”
prometeo liberato

Cesenatico. “La compagnia senza barriere” va in tournée. Dopo le esibizioni al teatro “Fabbri” di Forlì, il gruppo teatrale – formato dagli studenti dall’Istituto tecnico economico “Carlo Matteucci” e dai pazienti-attori del “Dirigibile” del Centro diurno psichiatrico dell’Ausl di Forlì – salirà sul palcoscenico del teatro comunale di Cesenatico, dove rappresenterà il “Prometeo liberato”, liberamente tratto dal “Prometeo incatenato” di Eschilo. L’appuntamento è per venerdì 6 dicembre, alle 20.30, in occasione della serata, con ingresso a offerta libera, promossa dalla Consulta comunale per il volontariato di Cesenatico, dal Centro servizi per il volontariato della provincia di Forlì-Cesena, dall’Ausl di Forlì, e dal Comune di Cesenatico.

L’iniziativa rientra nell’ambito della terza edizione del progetto “Un palcoscenico per tutti”, organizzato dal Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze Patologiche dell’Ausl di Forlì, diretto dal dott. Claudio Ravani, dall’Associazione “Diego Fabbri” e dall’Istituto tecnico economico “Carlo Matteucci”, con l’obiettivo di valorizzare attività di produzione artistica relative alla salute mentale, in particolare le dinamiche volte alla promozione e integrazione dell’esperienza teatrale realizzata all’interno del Centro Diurno Psichiatrico, coordinato dalla dr.ssa Paola Longhi, con le realtà operanti sul territorio, in primis gli Istituti Scolastici Superiori. In questo modo, si privilegia il teatro come strumento di contrasto all’emarginazione sociale e occasione per promuovere una migliore qualità della vita dei pazienti, sensibilizzando contemporaneamente gli studenti su un tema sociale rilevante e favorendo pertanto lo sviluppo di una cultura dell’integrazione e dell’emancipazione delle varie “diversità”. Alla sua realizzazione, così come a tutte le altre opere teatrali, hanno contribuito gli operatori del Centro Diurno Psichiatrico: Laura Trolli, Cinzia Tonelli, Rita Ramoscelli e Franco Tomasini. Per l’istituto “Matteucci”, coordinatori e referenti del progetto sono, invece, Giovanna Fabbri, Grazia Tosoni, e Raffaella Randi.

«Il teatro non rientra nei piani di studio del nostro istituto – commenta la dirigente dell’Istituto tecnico economico “Carlo Matteucci” Iris Tognon – tuttavia, i ragazzi si sono dedicati a questo progetto con grande entusiasmo, raggiungendo livelli culturali elevati e confezionando un prodotto di qualità. Inoltre, tale esperienza ha consentito loro di crescere: inizialmente, erano un po’ intimoriti dall’idea di confrontarsi con persone portatrici di un disagio loro sconosciuto, poi, grazie al teatro, hanno superato ogni barriera, e si è creata una vera compagnia , perfettamente integrata. In questo modo, sono riusciti a migliorare la conoscenza sia di se stessi sia degli altri». Chiaramente, grandi benefici hanno tratto anche i pazienti del Centro diurno psichiatrico. «Il rapporto con gli studenti è qualcosa che vivifica i nostri pazienti, li fa sentire a pieno titolo parte della comunità – commenta la dott.ssa Paola Longhi -. Ad esempio, nei giorni scorsi, una nostra ospite mi ha raccontato di aver incontrato per strada uno dei ragazzi di Ragioneria con cui ha recitato e il fatto che questi le abbia rivolto un  saluto estremamente cordiale l’ha davvero gratificata, è stata felicissima». Fra i sette studenti di Ragioneria e gli attori del Dirigibile si è instaurato un solido legame. «Uno degli aspetti più positivi del progetto è che si sono abbattute tutte le differenze, è nato un gruppo di amici, tant’è che dopo la rappresentazione di giugno per le scuole, si sono ritrovati tutti per discutere insieme su come era andata, confrontando pareri e impressioni. Credo, quindi, che l’obiettivo di un’integrazione piena sia stato perfettamente centrato».

Per quanto riguarda lo spettacolo, gli interpreti sono: Aldo Cavina, Carolina Macovei, Daniele Frignani, Dawin Brito, Doris Beqiri, Luca Zozzi, Elisabetta Celeghini, Jasmine Ravaioli, Joel N’Guessan, Aketchi, Jon Popa, Loredana Milandri, Manuela Rossi, Stefania Fabbri, Stella Tartagni. Sceneggiatura e regia sono a cura di Andrea Soffiantini e Michele Zizzari, mentre le scenografie sono state realizzate dalla Compagnia senza barriere. Musiche ed effetti sonori, infine, sono di Alberto Bartolini.

Ti potrebbe interessare anche...