Mondo. Addio a Nelson Mandela.

Mondo. Addio a Nelson Mandela.
Addio a Nelson Mandela. Immagine di repertorio.

MONDO. Un uomo per il quale “il mondo intero avrà grande gratitudine per sempre”. Con queste parole il presidente sudafricano Jacob Zuma ha annunciato in un discorso televisivo la scomparsa di Nelson Mandela. L’eroe della lotta contro l’apartheid è morto a 95 anni a Johannesburg nella sua casa dopo una lunga malattia. Ventisette anni in carcere, premio Nobel per la pace nel 1993, Mandela ha fatto della riconciliazione il filo rosso della sua vita.

Il Sudafrica era da mesi con il fiato sospeso per le condizioni di salute dell’eroe della lotta all’apartheid. Nel 1993 fu insignito del premio Nobel per la Pace. Icona di un popolo, Mandela è stato stroncato dalle infezioni causate dalla tubercolosi contratta nei 27 anni di detenzione.

Era da tempo che non si vedeva più, che l’uomo stimato anche dai nemici non parlava nelle manifestazioni pubbliche e dagli schermi tv. Ma per i molti nati dopo la fine del razzismo di stato e per quelli che ricordano i tempi dei ghetti, del massacro a Soweto nel 1976, delle lotte dell’African National Congress, l’immagine di Mandela è impossibile da cancellare.

Nelson Mandela “avrà funerali di Stato”, ha annunciato Zuma. Le bandiere saranno a mezz’asta in tutto il Paese da domani al giorno delle esequie.

Una folla si è radunata sotto l’abitazione della famiglia Mandela, a Johannesburg, per rendere omaggio a Madiba. Le immagini in diretta dalla Cnn mostrano molte persone in lacrime, tra cui molti giovani.

Ti potrebbe interessare anche...