Rimini. La Giunta stringe sulla fase due del Pacchetto lavoro. Tutte le ‘novità’ sull’occupazione.

Rimini. La Giunta stringe sulla fase due del Pacchetto lavoro. Tutte le ‘novità’  sull’occupazione.
gnassi

Rimini. La giunta accellera sul pacchetto occupazione e porta avanti la fase due di questo progetto riorganizzativo. Saranno 6 le assistenti sociali che già da quest’anno saranno assunte con concorso pubblico, mentre 3 lo saranno nel corso del 2015; esteso da 4 a 6 mesi il periodo lavorativo degli agenti estivi di Polizia municipale; 5 i giovani laureati a cui affidare la responsabilità degli uffici che saranno assunti tramite concorso pubblico.
Questi gli elementi più significativi previsti dal secondo stralcio occupazionale 2013 approvato dalla Giunta insieme all’aggiornamento del piano del fabbisogno di personale per il triennio 2013-2015. Una scelta che dà risposta ad una serie d’esigenze considerate strategiche dall’Amministrazione comunale. Mentre l’estensione da 4 a 6 mesi del periodo lavorativo degli agenti di PM assunti per l’estate, ad esempio, ha lo scopo di garantire un maggior presidio ai servizi estivi, ed in particolare quello di potenziare l’azione contro l’abusivismo commerciale potendo contare già agli inizi della stagione su un maggior numero d’agenti da impegnare nell’azione di prevenzione e di contrasto; l’assunzione delle prime 9 delle 14 assistenti sociali che saranno assunte è la scelta che dà subito coerenza alla decisione presa dalla Giunta qualche settimana fa nel rideterminare la nuova dotazione organica dell’ente.
Una scelta – si ricorderà – che attraverso la riduzione dei posti di funzione dirigenziale, che da 33 sono passati a 25, ha istituito 14 nuovi posti di assistente sociale, necessari per far fronte a nuove funzioni che il Comune potrebbe dover gestire nei prossimi anni nell’area della tutela dei minori e della tutela dei disabili. La decisione della Giunta di procedere all’assunzione tramite concorso di 5 istruttori direttivi categoria D, inoltre, rappresenta la scelta di immettere nel tessuto organizzativo dell’ente giovani laureati a cui affidare la responsabilità degli uffici a fronte della progressiva diminuzione del personale dirigenziale.

Ti potrebbe interessare anche...