Emilia Romagna ed ecologia. Massa Lombarda: arriva la Casa dell’acqua, sulla via Castelletto.

Emilia Romagna ed ecologia. Massa Lombarda: arriva la Casa dell’acqua, sulla via Castelletto.
Casa dell'Acqua CON.AMI

MASSA LOMBARDA. Sarà installata entro il mese di marzo una ‘Casa dell’acqua‘ sulla via Castelletto in prossimità di via della Lavanda a Massa Lombarda. Il CON.AMI (Consorzio Azienda Multiservizi Intercomunale) ha deciso di donare una Casa dell’acqua a ciascuno dei 23 Comuni che compongono il Consorzio, tra cui anche Massa Lombarda, per “festeggiare” i 111 anni di costituzione dell’azienda municipalizzata di Imola ora CON.AMI.I.. L’idea è stata fin da subito accolta con entusiasmo dalla giunta comunale, la quale ha definito in pochi giorni il punto dove verrà installata.
La Casa dell’acqua è una struttura realizzata per valorizzare ‘L’acqua del Sindaco‘ e si può considerare come una sorta di evoluzione della fontana che negli anni ha caratterizzato la nostra realtà sia come punto di prelievo acqua, sia come luogo di socializzazione. In sostanza, la Casa dell’acqua non è altro che una “fontana tecnologica” dalla quale i cittadini possono attingere acqua liscia gratuitamente e acqua gasata a un costo di 5 centesimi al litro.

COME QUELLA DI CASA. L’acqua proviene direttamente dalla rete idrica pubblica gestita da Hera, si tratta della stessa acqua che sgorga dal rubinetto di casa, che in questo caso viene solo refrigerata e ‘gasata’ con l’aggiunta di anidride carbonica alimentare, senza altri trattamenti.“Cogliendo l’occasione dei 111 anni di storia di CON.AMI, sosteniamo l’obiettivo di valorizzare e promuovere un maggiore utilizzo dell’acqua di rete, cioè di quella che sgorga dai rubinetti, anche al fine di favorire comportamenti più sostenibili – sottolinea l’assessore ai Lavori pubblici Roberto Gambetti -. Ipotizzando un’erogazione giornaliera media di 1.250 litri, da una Casa dell’acqua si risparmiano ogni anno circa 300mila bottiglie in plastica, 375 svuotamenti di cassonetti per la raccolta della plastica, circa 50 tonnellate di Co2 non emesse in atmosfera (grazie alla mancata produzione e trasporto delle bottiglie in plastica), 20 tir in meno sulle strade adibiti al trasporto di acqua in bottiglia (vetro e plastica) e infine 25 tonnellate di per la produzione e il trasporto delle bottiglie in plastica”.

 

Ti potrebbe interessare anche...