Riolo Terme. ‘Cielo, terra e mare’, le tende da spiaggia di Pascucci e le ceramiche di Faenza fino al 28 giugno.

Riolo Terme. ‘Cielo, terra e mare’, le tende da spiaggia di Pascucci e le ceramiche di Faenza fino al 28 giugno.
bottega5_big

RIOLO TERME. È agli inizi del ‘900, con la scoperta delle virtù terapeutiche dell’acqua di mare e della salubrità dell’aria, che inizia la “moda” di trascorrere sulla nostra costa periodi più o meno lunghi di vacanza. Quello che invece a quell’epoca era decisamente fuori moda era la tintarella, sinonimo di lavoro all’aria aperta (contadini, muratori) e quindi di appartenenza ad un ceto sociale basso. Nacquero così le tende da spiaggia, antesignane dei moderni ombrelloni, per riparare i villeggianti dai raggi diretti del sole e preservare la pelle dall’abbronzatura eccessiva.

Le tende divennero ben presto un oggetto da abbellire ed in Romagna si trasferì anche a queste la consuetudine di utilizzare la tecnica della stampa su tela, tipica delle tele romagnole. Ovviamente, si studiarono soggetti nuovi, adeguati all’ambiente. I disegni “marinari” utilizzati per la stampa a mano nascono dunque intorno al 1920/1930, nell’epoca, appunto, in cui si sviluppò il turismo balneare sulla nostra riviera. La richiesta e la nuova moda fece sì che i disegni si moltiplicassero.

A Riolo Terme, nella Sala San Giovani, con la mostra “Cielo, terra, mare” la Bottega Pascucci 1826 ripropone e reinterpreta nelle sue splendide e coloratissime tele, disegni originali (custoditi nell’archivio storico della Bottega e donati da numerosi artisti che hanno collaborato e collaborano con i Pascucci) e nuovi soggetti creati da artisti contemporanei.

I Ceramisti di Faenza hanno per l’occasione creato pezzi originalissimi ed esclusivi, ispirati a questi disegni e visibili solo nella mostra, proseguendo una importante collaborazione iniziata tre anni fa. L’allestimento, curato dalla Società di Area Terre di Faenza e dalla Bottega Pascucci, in collaborazione con le associazioni degli artigiani ceramisti CNA e Confartigianato, è un tripudio di colori che rimanda subito all’atmosfera calda e gioiosa dell’estate.

La mostra è aperta lunedì, mercoledì, giovedì, venerdì: dalle ore 20 alle ore 22.30
 Sabato e domenica: dalle ore 16 alle ore 19 e dalle ore 20 alle ore 22.30

 

Ti potrebbe interessare anche...