Emilia Romagna. Parchi di Vita, il tour di Legambiente alla scoperta delle tradizioni nelle aree protette.

Emilia Romagna. Parchi di Vita, il tour di Legambiente alla scoperta delle tradizioni nelle aree protette.
logo_parchidivita

EMILIA ROMAGNA. L’iniziativa Parchi di vita, promossa da Legambiente Emilia-Romagna, nasce con lo scopo di riscoprire e valorizzare un patrimonio di antichi saperi custodito soltanto dalla memoria degli anziani, detentori di tradizioni e manualità di estrema importanza per il territorio delle aree protette dell’Emilia Romagna, che stanno tuttavia lentamente scomparendo.

Quella dei Fontanili di Corte Valle Re, è la prossima tappa del percorso di riscoperta degli antichi mestieri e tradizioni dei Parchi: dopo aver condotto più di 200 ragazzi delle scuole della Regione alla scoperta della pesca e marinatura dell’anguilla, e del mestiere del salinaro presso il Parco Regionale del Delta del Po, e aver illustrato a bambini ed adulti la vita di castanicoltori, agricoltori e allevatori dell’Appennino Bolognese tra Pianaccio e Gaggio Montano, Parchi di vita si sposta a Campegine.

Domenica 29 giugno infatti, in occasione della tradizionale fiera di SS. Pietro e Paolo del Comune di Campegine, Legambiente sarà alla Riserva per una visita guidata gratuita nell’area protetta, alla scoperta del patrimonio naturalistico, storico e culturale che contraddistingue questo lembo di pianura. Per l’occasione i visitatori saranno condotti da un anziano locale, in un percorso attraverso la memoria, le attività e la cultura di questo luogo meraviglioso.

VALLE RE. Una storia, quella di Valle Re, scritta sull’acqua: nel territorio emiliano infatti, i Fontanili dei Corte Valle Re costituiscono un relitto ancora attivo di ciò che nel passato ha rappresentato un’importante fonte di ricchezza e benessere per Campegine e per i comuni limitrofi. I fontanili erano una sicura fonte di approvvigionamento idrico sia per usi civili che irrigui. L’originario paesaggio agrario che caratterizzava questa zona era dominato dalle cosiddette “piantate” e rimase immutato fino agli anni ’60: la corte era circondata da un folto arboreo costituito principalmente da olmi maritati alla vite intercalati a prati foraggeri, che nel loro insieme davano origine ad un pregevole ecosistema “agricolo-planiziale”.

Il ritrovo è alle ore 9.00 presso il parcheggio della Riserva situato in Via Cavatorti a Campegine, nei pressi dell’impianto di sollevamento “Valle Re” del Consorzio di Bonifica dell’Emilia-Centrale. La durata della visita è di circa 1 ora e mezza e per aderire all’iniziativa è gradita la prenotazione. Inoltre dalle 9.00 alle 12.00 sarà possibile visitare il Centro Visite dell’area protetta dove è stato allestito un punto informativo ed un percorso espositivo permanente articolato in una serie di pannelli tematici dedicati alle peculiarità naturalistiche ed ambientali della Riserva.

Per informazioni e prenotazioni: Tel. 051 241324; e-mail info@legambiente.emiliaromagna.it

 

Ti potrebbe interessare anche...