Massa Lombarda. I Blastema chiudono il Riot Fest 2014. Il premio Radio Sonora alla band di Forlì.

Massa Lombarda. I Blastema chiudono il Riot Fest 2014. Il premio Radio Sonora alla band di Forlì.
Blastema (3)

MASSA LOMBARDA. Il Riot Fest di Massa Lombarda chiude i suoi tre giorni di musica sabato 12 luglio alle 22 con il rock contaminato dei Blastema. Da quattro anni il festival, con il contributo dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna, dedica una delle proprie serate al Premio Radio Sonora, riconoscimento attribuito dai volontari del festival e della web radio della Bassa Romagna (da cui appunto il premio prende il nome) a una band romagnola che si è particolarmente distinta sul piano nazionale.

Il palco centrale del festival, quindi, nella sua serata conclusiva sarà affidato alla formazione forlivese che si è conquistata un posto di primo piano nel panorama del rock indipendente italiano. I Blastema hanno calcato i palchi dei club più importanti e dei principali festival da Arezzo Wave all’Heineken, conquistando un ruolo di primo piano nel panorama dell’indie italiano. Nel 2013 hanno aperto il tour degli Skunk Anansie per le sette date della band inglese in Italia e l’unica data italiana dei Beady Eye di Liam Gallagher, al Pistoia Blues.

In questo mesi la band è in studio per preparare il nuovo disco, ma ha comunque accettato la proposta del festival di uscire in via del tutto eccezionale dallo studio per la loro unica data estiva, appositamente per il Riot, onorando così la possibilità di ricevere il Premio Radio Sonora.

I BLASTEMA nascono a Forlì nel 1997. Oggi della formazione iniziale restano Matteo Casadei alla voce e Alberto Nanni alla chitarra, mentre dietro i tamburi siede Daniele Gambi dal 2001, alle tastiere Michele Gavelli dal 2004 e nell’estate 2012 arriva al basso Luca Marchi.

La scena è quella del rock indipendente, gli anni i primi del nuovo secolo. Senza strappi e con marcia costante i Blastema raggiungono diversi riconoscimenti tra cui: la partecipazione al Tim Tour nel 2004, la vittoria di SanRemo Rock con il pezzo OPPIO TV e la partecipazione come band rivelazione al MEI di Faenza col singolo THC nel 2005. Nel 2007 entrano nel circuito della storica Casa 139 di Milano, che fino alla chiusura del 2011 rimane uno dei punti cardine della nuova musica indipendente italiana. Nel 2009 si esibiscono all’Italia Wave Love Festival di Livorno.

Nell’aprile 2010 esce il primo disco ufficiale “Pensieri Illuminati” prodotto dalla band e curato da Alberto Nanni, per la prima volta dietro al mixer come produttore. Il singolo omonimo e il secondo singolo “Spero ci sia” ottengono un buon riscontro sui circuiti digitali. Il tour nazionale è intervallato dalla partecipazione all’Heineken Jamming Festival per Rock TV e dalla performance al WOODSTOCK 5 STELLE a Cesena. La chiusura del Tour invernale è suggellata al Blues House di Milano con una festa/concerto che vede la presentazione del video “Spero ci sia”, il primo raduno del neonato FAN CLUB e la partecipazione straordinaria di Mario Riso (Rezophonic), Ketty Passa (Radio Popolare, Toxic Tuna) e Andrea Ferro (Lacuna Coil).

Nel 2011 i Blastema si chiudono in studio per concentrarsi sul secondo disco e nel 2012 incontrano l’interessamento di ‘Nuvole Production‘, casa discografica di Fabrizio De André© diretta da Dori Ghezzi e Luvi De André. Con Nuvole nasce una stretta collaborazione nel pieno rispetto delle prerogative artistiche del gruppo. Il primo singolo SYNTHAMI è presentato a Roma al concertone del Primo Maggio. Durante l’estate i Blastema presentano il singolo in alcuni appuntamenti importanti tra cui l’Arezzo Wave e l’Ichnusa Festival di Cagliari, insieme a Simone Cristicchi, Negrita e Litfiba. A settembre esce il secondo singolo TIRA FUORI LE SPINE e il disco LO STATO IN CUI SONO STATO è presentato al MEI Supersound di Faenza mentre il brano DOPO IL DUE è in rotazione su Virgin Radio.

Nel 2013 partecipano al Festival di Sanremo nella sezione giovani proposte col brano ‘Dietro l’intima ragione’ classificandosi quarti. Il brano è inserito nella ristampa del disco LO STATO IN CUI SONO STATO. Dopo l’esperienza Sanremese ripartono i live con doppia data teatrale al Petrella di Longiano accompagnati dalla danzatrice acrobatica Elena Annovi. A metà luglio esce il singolo SOLE TU SEI accompagnato dal videoclip e dal progetto RePlay Blastema che vede la pubblicazione delle tracce aperte su internet a disposizione di chiunque le voglia remixare. Il progetto culmina in un evento live al Mei di Faenza in collaborazione con l’amico produttore Izio Orsini (La notte dei lunghi coltelli). Fino alla fine del 2013 i Blastema sono impegnati in una intensa e capillare attività live che li vede protagonisti nei festival estivi e in tutti i principali club italiani. Sono inoltre special guest del tour degli SKUNK ANANSIE per le 7 date della band inglese in Italia e opening band dell’unica data italiana dei Beady Eye di Liam Gallagher al Pistoia Blues. Dal Gennaio 2014 la band è in studio per preparare il nuovo atteso disco.

RIOT FESTIVAL. Prima del concerto, il pubblico del Riot come di consueto non avrà di che annoiarsi: tutto il centro, da est a ovest, è animato dagli stand delle associazioni giovanili e dagli angoli musicali, allestiti nelle piazze e in via Vittorio Veneto. Si potrà mangiare nei diversi stand, aperti a partire dalle 19.

Al Rock Stage di piazza Umberto Ricci, curato dai ragazzi del centro giovani JYL, un concerto tributo ai Rage Against the Machine, con i Burning Monks. Nei pressi della chiesa di San Paolo l’associazione Portofranko, oltre a offrire un gustoso menù tedesco-romagnolo, propone ogni sera reading musicali e live set di band locali. Nella piazzetta del Carmine si entra in territorio blues con la musica dei Bondage Temple. Qui, al Riot Pub, si potranno apprezzare le birre artigianali dei birrifici Cajun e Valsenio e le bruschette preparate dai ragazzi del Gruppo Musici e Sbandieratori. L’ultimo palco, nei pressi della chiesetta di San Salvatore è invece per chi vuole riposare le orecchie. Ogni sera, infatti, live acustici accompagnano un delizioso angolo del corso in abbinamento alla proposta gastronomica della rosticceria di Divini Sapori e Bar Kristal. Completa il ventaglio delle possibilità gastronomiche, il Punto RistoRiot a cura di centro giovani JYL, Avis e Comitato genitori dell’istituto comprensivo “Francesco D’Este” allestito sotto la Torre dell’Orologio.

Come ogni sera, al Mercatino creativo e dei ricordi si potrà girovagare tra abbigliamento, collezionismo, accessori e remake artigianali o per i più piccoli truccarsi da rockstar con il truccabimbi rock a cura della Consulta delle ragazze e dei ragazzi. Non manca poi l’arte al Riot. Due interessanti novità dell’edizione di quest’anno sono proprio nel segno della creatività giovanile: il Riot Expò, collettiva d’arte a cielo aperto curata da Marco Teodorani e, infine, un angolo speciale di relax, il Sanvitale 41 Bistrot, evento interattivo tra cibo, ceramica e cocktails presso l’Atelier di Antonio Caranti, dove si potranno gustare ricette da bere e da mangiare servite su supporti realizzati dagli artisti.

Il Riot Fest è organizzato dall’assessorato alla Cultura e Politiche Giovanili del Comune di Massa Lombarda in collaborazione con l’Unione dei Comuni della Bassa Romagna e le tante associazioni coinvolte e rientra nel calendario di Ravenna Capitale Europea della Cultura 2019.

Tutti i concerti sono gratuiti. Per informazioni, telefono 340 2555174, oppure contattare il Centro Comunicazione Ascolto Urp del Comune di Massa Lombarda, telefono 0545 985890. Sito web: www.riotfest.it.

 

 

 

 

 

 

 

Articoli più letti