A Forlì la moda vive due volte. Dal 19 al 21 settembre torna la Fiera del Vintage, per un “Amarcord” dal respiro internazionale.

A Forlì la moda vive due volte. Dal 19 al 21 settembre torna la Fiera del Vintage, per un “Amarcord” dal respiro internazionale.
vintage 2014

FORLI’. La mania “Vintage” ha contagiato la società: il cinema, la letteratura, la tv, la tecnologia, il cibo, l’arte, la moda, il mondo dei viaggi. Nemmeno il mercato ne esce indenne da questo revival in cui è il “passato” la principale fonte di ispirazione. È così che in Romagna, a Forlì,  hanno captato, già da alcuni anni, questa voglia di riscoperta delle atmosfere degli anni ruggenti e si sono “inventati” la fiera del vintage, un nuovo contenitore per soddisfare la crescente richiesta del pubblico. Prima in Italia per numero di visitatori e terza per “anzianità”, “VINTAGE! La moda che vive due volte”, rientra oggi tra gli eventi che registrano il maggior afflusso di visitatori nella città di Forlì e offre al visitatore uno spazio a tutto tondo dove è possibile acquistare, svagarsi, conoscere, scoprire e rilassarsi. E dal 19 al 21 settembre 2014, torna a Forlì, per la sua 16ma edizione : ancora una volta un viaggio per comprendere la forza di un fenomeno di costume in grado di superare confini spazio-temporali. E mai come quest’anno alla Fiera del Vintage  si respirerà un clima davvero internazionale! Non sarà necessario volare a Londra alla volta di Portobello Road, nemmeno andare fino in America per vivere le atmosfere degli anni ruggenti: Fiera Vintage porterà tutto questo a Forlì, sotto il tetto dei padiglioni della fiera.

Come sempre, protagonisti della kermesse saranno l’abbigliamento e tutto ciò a esso correlato: abiti da collezione, borse e accessori delle grandi firme della moda internazionale, gioielli senza tempo, sono alcuni dei prodotti più ricercati dal grande pubblico, così come dagli operatori del settore moda.

Novità di quest’anno sarà inoltre il 1° Vintage Revolution Motorcycles and American Cars Party a cura di America Graffiti, aprendo di fatto le porte alla passione per i motori con due raduni dedicati alle due e quattro ruote pre ’80. Sabato 20 settembre ore 15.00 appuntamento con Harley-Davidson, Custom Bikes, ‘Pre 80 Motorcycles e Vespe & Lambrette;  domenica 21 settembre ore 10.00 sarà la volta delle auto americane ed europee, VW Aircooled e  Pre ‘80 Style. I raduni sono aperti alla partecipazione di tutti i possessori di moto e auto vintage, europee e americane, che avranno accesso gratuito all’interno dei padiglioni. I mezzi saranno parcheggiati direttamente all’interno del quartiere fieristico, disposti in aree suddivise per categorie e delimitate. Il parcheggio all’interno del quartiere fieristico diventerà un’ulteriore occasione per vivere “Vintage”, una mostra dove ammirare, radunati in un solo luogo, centinaia di mezzi unici. Moto e auto inimitabili, con un proprio carattere. Non semplici “mezzi di trasporto” ma pezzi di storia spesso trovati malconci nei mercatini, abbandonati nei granai o nelle rimesse e riportati in vita con cura e dedizione dai proprietari.

Fiera Vintage offrirà anche momenti di musica e balli: il concerto rockabilly, hillbilly o honky-tonkdi Charlie Thompson con Benny and the Cats. E poi il workshop Rockabilly Jive Dance anni ’50 domenica 21 settembre e il workshop di Line Dance a  ritmo di country-western music sempre domenica 21 settembre.

E con il vintage non poteva mancare la mostra allestita da A.N.G.E.L.O., quest’anno dedicata ad uno dei temi più ricorrenti della moda: i fiori. Il tema floreale ha punteggiato la storia della moda sbocciando in forme e colori diversi e A.N.G.E.L.O. vuole rendergli omaggio con una selezione di  abiti, provenienti dal suo archivio storico, che la ripercorrono a partire dagli anni ’20 fino agli anni ’80. Degli anni ’20 – gli anni dell’ottimismo, del lusso e della libertà definiti “Anni Ruggenti” - sono i primi tre abiti sartoriali selezionati dall’archivio A.N.G.E.L.O.. Abiti che ben rappresentano le caratteristiche del decennio: morbidi, dalle linee dritte e la vita ribassata, impreziositi da perline a formare motivi decorativi floreali. Appartengono, invece, agli anni Cinquanta, gli altri tre abiti selezionati dall’archivio A.N.G.E.L.O.: decennio in cui i fiori non sono solo motivi decorativi per organze, chiffon, shantung, taffetas e rasi duchesse, ma diventano anche motivo d’ispirazione per le linee degli abiti. Christian Dior, per esempio, dedica ai fiori i nomi di alcune delle sue famose linee: una tra tutte la linea a corolla, che ha segnato la storia della moda del decennio con la sua vita stretta e la gonna ampia che si apre come i petali di un fiore. I mitici Sessanta sono gli anni che anticipano l’estetica dei figli dei fiori e l’importanza data a questo elemento. Gli abiti, se nei primi anni Sessanta traggono ancora ispirazione dagli anni Cinquanta, nel corso del decennio si trasformano completamente per diventare geometrici e scanzonati e per ricoprirsi ancora una volta di fiori colorati. Ne è un degnissimo rappresentante l’abito esposto della Sartoria Pirovano: linea a trapezio e ricamo a motivo floreale su stampa di fiori multicolore. Gli anni Settanta sono gli anni del Flower Power, e i fiori invadono ogni campo e superficie. Il look hippy convive con quello romantico: tutti sono accomunati dall’uso e sopruso del tema floreale.  Gli stilisti d’alta moda non rimangono in disparte e traggono ispirazione dalla natura: Yves Saint Laurent crea delle fantasie che rendono i suoi abiti riconoscibili al primo sguardo e Valentino realizza abiti da sogno, come quello esposto, che sembrano bouquet.

 

INFO, ORARI E PREZZI:

Orari al pubblico: venerdì dalle 14.00 alle 20.00 – sabato e domenica dalle 10.00 alle 20.00

Preview gratuita su invito venerdì mattina: dalle 10.00 alle 14.00

Ingresso: Coupon riduzione scaricabile dal sito www.fieravintage.it € 5,00 – Intero € 7,00 – Gratis fino a 12 anni.

Ti potrebbe interessare anche...