Forlì. Amnesty International denuncia: ‘ In Uzbekistan la tortura è routine. Ora basta !’.

Forlì. Amnesty International denuncia: ‘ In Uzbekistan la tortura è routine. Ora basta !’.
volantino conferenza

FORLI’/STOP ALLA TORTURA. “La tortura in Uzbekistan è una routine. Il governo continua a dire bugie invece di prendere misure efficaci per prevenirla. Non può più andare avanti in questo modo” – ha dichiarato Maisy Weicherding, ricercatrice di Amnesty International sull’Uzbekistan. “I paesi della comunità internazionale, e soprattutto l’Unione europea, devono inserire il tema della tortura nelle relazioni con l’Uzbekistan”.
Amnesty International continua a ricevere informazioni su persone sottoposte a maltrattamenti e torture da parte delle forze di sicurezza al momento dell’arresto e da parte del personale penitenziario una volta in carcere. L’assenza di indagini su queste denunce rappresenta la norma.
Allo stesso tempo, l’Uzbekistan rimane impermeabile a un effettivo controllo internazionale. Negli ultimi anni né Amnesty International né altre organizzazioni internazionali indipendenti hanno avuto libero accesso nel paese per monitorare la situazione dei diritti umani.
Nell’ambito della sua campagna mondiale ‘Stop alla tortura’, Amnesty International sta sollecitando le autorità uzbeche a indagare su altre denunce di torture inflitte in carcere ad altri cinque prigionieri. 

Per denunciare l’uso della tortura in Uzbekistan, è in Italia dal 20 al 24 ottobre Nadejda Atayeva, in esilio in Francia, presidente dell’associazione Human Rigths for Central Asia. L’associazione tutela i diritti dei suoi iscritti attraverso meccanismi previsti dalla legislazione nazionale e internazionale. Monitora inoltre la conformità dei governi dell’Asia centrale nel rispetto degli accordi internazionali in materia di diritti umani. Durante la sua permanenza a Roma, Nadejda Atayeva parteciperà a conferenze universitarie e incontri istituzionali e pubblici e mercoledì 22 ottobre sarà ospite a partire dalle 18 di una video-chat sul sito www.amnesty.it

Giovedì 23 ottobre ore 17,00 sarà a Forli’ presso il nuovo Campus universitario.

 

Ti potrebbe interessare anche...