Cervia: stati generali del turismo. Presentate strategie e linee programmatiche.

Cervia: stati generali del turismo. Presentate strategie e linee programmatiche.
CERVIA BORGOMARINA

CERVIA. Forte interesse e grande partecipazione durante la presentazione di mercoledì 22 ottobre a Musa delle linee della politica turistica dei prossimi anni. Parole d’ordine confronto, condivisione, pianificazione e una ‘nuova rotta culturale’. Sono stati presentati e confrontati i dati del turismo cervese di questi ultimi anni. Il periodo è difficile e l’amministrazione comunale punta a coltivare e incrementare il trend in crescita di arrivi e presenze turistiche nelle nostre località. Il mercato italiano naturalmente riflette la crisi economica del Paese: gli italiani non rinunciano alla vacanza, ma riducono il periodo di permanenza mentre il mercato straniero è leggera crescita e predilige il periodo di primavera ( mesi di maggio e giugno). Importante la crescita per il mercato russo che si colloca al secondo posto per arrivi e soprattutto presenze, ma al primo restano ancora gli ospiti tedeschi che nella maggioranza dei casi frequentano le località nel periodo di Pentecoste. A seguire Svizzera, Francia e Austria. Il mercato straniero rappresenta solo il 16% del turismo delle località per cui importante è dare una spinta forte ai fini di una crescita significativa di questo filone.

Croce e delizia dell’offerta turistica cervese sono varietà e differenziazione. Da una parte la positività dell’offerta diversificata, con l’ampia scelta per l’ospite e dall’altra la difficoltà di promuovere adeguatamente tutte le opportunità di questo territorio estremamente variegato. Nel corso dell’incontro sono state esplicitate le linee strategiche e programmatiche per i prossimi anni che prevedono una forte sinergia e collaborazione fra pubblico e privato. Quattro i principali item chiave: valorizzare i segni distintivi di Cervia, fornire un prodotto di eccellenza a qualsiasi livello, garantire una esperienza reale, coinvolgere l’intero sistema territorio. Sono stati inoltre evidenziati importanti segmenti di mercato su cui puntare ovvero famiglie e bambini, sport benessere e divertimento, senior, ambiente, enogastronomia cultura ed arte, business e affari e proposti tre principali tematismi sui quali lavorare per la destagionalizzazione nel 2015. In maggio l’attenzione viene rivolta allo Sportactivity ( mese dello sport), in giugno Familyland ( dedicato ai bambini), settembre SempreINvacanza ( mese della età d’oro). L’appello è ad una grande compattezza che veda la città unita e in sintonia sia sulle proposte che sulla promozione della città. I periodi che rappresentano una criticità nel calendario turistico saranno quindi caratterizzati e corredati di tutta una serie di servizi tailor made atti ad offrire una vacanza ad hoc per i target di destinazione. L’invito è quindi a tutta la città per lo sviluppo di un tema per i diversi periodi in cui ogni esercente e imprenditore, ma anche associazione sportiva, culturale ecc dovrà fare la sua parte per raggiungere l’obiettivo comune ed offrire un soggiorno piacevole con attività sportive, culturali, gastronomiche, artistiche ecc. L’invito rivolto alla cittadinanza tutta è inoltre quello di fare proposte relative ad eventi e attività in tema con gli argomenti proposti ma anche di studiare e portare novità senza lasciarsi sopraffare dall’andamento consolidato. Per ogni tematismo verranno aperti dei bandi di comarketing fra pubblico e privato e verranno aperti tavoli di lavoro. Una mail dedicata (turismo2015@comunecervia.it) è pronta per accogliere proposte e progetti che saranno poi vagliati dalla amministrazione.

Saranno operate azioni promozionali in comarketing con le unioni di prodotto, presenza in fiere, educational, iniziative legate a Epo2015, l’avvio di un social media team da sviluppare con i giovani.

Per Expo 2015 l’Amministrazione comunale ha già avviato un’attività di relazioni e contatti per creare un link diretto e un tavolo di lavoro con Milano ma il la sfida sarà ‘transare’ su Cervia operatori dell’intermediazione commerciale profit e no profit, imprenditori, giornalisti, stakeholders stranieri, etc. ai quali verrà data la possibilità di visitare il territorio, incontrare gli operatori locali e fare azioni di matching commerciale. Un progetto in questa direzione è già stato presentato a richiesta di co-finanziamento regionale.

‘Abbiamo pensato da un nuovo metodo di approcciare il turismo.-dichiara il sindaco Luca Coffari- Per la prima volta avremo un piano che specificherà dove si dirigerà la strategia turistica della città e le azioni operative di promo commercializzazione. Molto positivo è il fatto che sia stato scritto anche con le associazioni di categoria. Abbiamo bisogno di innovazione in tutti i campi e la nostra città deve tornare a correre, noi dovremmo fare la nostra parte ma ci deve essere anche l’apporto fondamentale degli operatori privati. Cervia ha tante risorse uniche che se sfruttate appieno possono davvero fare la differenza’.

‘I dati turistici e lo studio sull’andamento degli ultimi anni ci sono stati utili per definire l’andamento e un metodo di lavoro per costruire un percorso che non si limita alla programmazione per il 2015 ma che vede oltre.. – dichiara l’assessore a Turismo e Cultura Roberta Penso- Sappiamo comunque che presenze e arrivi non corrispondono alla reale redditività delle imprese, sempre più in difficoltà a causa dell’aumento dei costi di gestione, delle imposte, unti alla necessità crescente di mantenere alto il livello di qualità dei servizi. Occorre quindi lavorare molto e lavorare insieme facendo squadra. Uscire dalla routine può essere inoltre stimolante sia per l’imprenditore, sia naturalmente per il cliente oggi sempre più esigente e alla ricerca di esperienze uniche che il nostro territorio e la nostra imprenditoria sono in grado di offrire’.

 

Ti potrebbe interessare anche...