Faenza: giovedì 20 novembre iniziative per la giornata dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

Faenza: giovedì 20 novembre iniziative per la giornata dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.
Faenza

FAENZA. Anche Faenza celebra la Giornata internazionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza (20 novembre 2014). Le celebrazioni sono promosse ogni anno in occasione della ricorrenza della firma della Convenzione sui diritti del fanciullo, sottoscritta a New York il 20 novembre 1989 da molti Stati, fra cui l’Italia. La città di Faenza ospita, già a partire da questi giorni e fino all’inizio di dicembre, numerose iniziative dedicate ai bambini e ai loro genitori – laboratori didattici, incontri, letture, visite guidate, proiezioni e mostre – organizzate dall’assessorato alla cultura e istruzione del comune di Faenza, in collaborazione con la biblioteca comunale manfrediana, il museo internazionale delle ceramiche, le scuole primarie e dell’infanzia faentine.

Uno dei primi appuntamenti è l’incontro pubblico dal titolo ‘Diritti alle storie’, che si terrà giovedì 20 novembre, alle ore 17.00, presso la sala Dante della biblioteca comunale di Faenza (via Manfredi, 14). L’incontro, organizzato dalla biblioteca, è dedicato a genitori, educatori, insegnanti e a tutti gli adulti interessati al mondo dell’infanzia da 0 a 8 anni. Parteciperanno Mariateresa Tosi, pediatra di libera scelta, Nives Benati, referente nazionale del progetto Nati per leggere, Federica Zampighi, pedagogista del Centro per le famiglie di Faenza ed Ernesto Sarracino, coordinatore pedagogico del comune di Faenza.

Ogni bambino ha diritto a essere protetto non solo dalla malattia e dalla violenza ma anche dalla mancanza di adeguate occasioni di sviluppo affettivo e cognitivo. Questo è il cuore del progetto Nati per Leggere (Npl), nato nel 1999 con l’obiettivo di promuovere la lettura ad alta voce ai bambini di età compresa tra i 6 mesi e i 6 anni. Recenti ricerche scientifiche dimostrano come il leggere ad alta voce, con una certa continuità, ai bambini in età prescolare abbia una positiva influenza sia dal punto di vista relazionale (è una opportunità di relazione tra bambino e genitori) che cognitivo (si sviluppano meglio e più precocemente la comprensione del linguaggio e la capacità di lettura). Inoltre si consolida nel bambino l’abitudine a leggere, che si protrae nelle età successive grazie all’approccio precoce legato alla relazione. L’evento intende non solo diffondere l’amore per la lettura e le storie e consolidare la lettura ad alta voce degli adulti per i bambini più piccoli, ma anche far comprendere quanto essa sia importante negli anni successivi quando i ragazzi crescono. Nel corso del pomeriggio verranno inoltre suggerite proposte di letture per le diverse età.

Durante la settimana sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza presso gli ambulatori dei pediatri di libera scelta i lettori volontari Npl/In vitro leggeranno per i bambini, le bambine e le loro famiglie.

Il programma completo degli eventi faentini della Giornata internazionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza si può consultare, dai prossimi giorni, nel sito internet del Comune di Faenza (www.comune.faenza.ra.it).

 

Ti potrebbe interessare anche...