Italia. Meteo: da capodanno un graduale rialzo delle temperature, freddo e neve per gli ultimi giorni del 2014.

Italia. Meteo: da capodanno un graduale rialzo delle temperature, freddo e neve per gli ultimi giorni del 2014.
neve generica

“Gelo in arrivo, neve fin sulle coste adriatiche, a tratti in pianura anche al Sud”

Edoardo Ferrara: “Il 2014 si chiude con una breve, ma intensa irruzione artica; rovesci di neve su medio Adriatico e al Sud e forti venti di Grecale. Da Capodanno graduale rialzo delle temperature”

“Ci aspettano 72 ore di freddo intenso per l’arrivo di freddi venti artici che faranno battere i denti all’Italia da Nord a Sud” – lo conferma il meteorologo di 3bmeteo.com Edoardo Ferrara, che spiega – “fino a San Silvestro avremo la possibilità di nevicate sparse sulle regioni adriatiche fino anche alla costa, dalla Romagna alla Puglia. Rovesci di neve a quote collinari interesseranno anche il Sud, in particolare Basilicata, Calabria e Sicilia; anche qui tra martedì 30 e mercoledì 31 la neve potrà far la sua comparsa localmente in pianura o persino fin sulla coste della Calabria jonica e della Sicilia tirrenica; rovesci di neve fino in collina potranno inoltre interessare la Sardegna soprattutto orientale. Più al riparo invece le coste campane con schiarite prevalenti; bel tempo prevalente anche su gran parte del Nord e sulle centrali tirreniche”.

“A rischio neve o pioggia mista neve saranno dunque anche città come Palermo, Messina, Crotone, Catanzaro, Cosenza soprattutto il giorno di San Silvestro” – prosegue l’esperto – “già entro il 30 invece rischio neve in città come Potenza, Matera, Bari, Foggia, Taranto, Potenza e Matera; qualche fiocco anche ad Avellino e Benevento. Non si escludono brevi comparsate della neve persino sul leccese. Neve ovviamente anche a Rimini, Ancona, Pescara, Termoli, Campobasso”.

 “Da Capodanno l’alta pressione riporterà tempo stabile su tutta l’Italia per qualche giorno salvo ultimi fenomeni all’estremo Sud in esaurimento” -  conclude Ferrara – “ma soprattutto un rialzo delle temperature che si avvertirà soprattutto sulle coste ed in montagna. Su vallate e pianure continuerà a fare freddo, con forti gelate notturne e inversioni termiche rispetto alle alte quote di montagna. Dal primo weekend del 2015 potrebbero però tornare le perturbazioni dal Nord Europa, ne riparleremo”.

 


Ti potrebbe interessare anche...