Modena. Presentato ‘Hera start up’, un aiuto alle giovani imprese con un pacchetto ad hoc con diversi servizi.

Modena. Presentato ‘Hera start up’, un aiuto alle giovani imprese con un pacchetto ad hoc con diversi servizi.
HERA

MODENA. Hera Start Up: energia alle nuove imprese. 

Un’offerta luce, gas, tlc e servizi ambientali studiata per le imprese di under 35, attive da meno di 18 mesi. Un aiuto concreto ai giovani imprenditori della regione che avviano un’attività, con la collaborazione di Democenter

UN SOSTEGNO ALLE START UP. Un pacchetto ad hoc messo a punto per sostenere i giovani imprenditori nella fase di avvio della loro attività e di confronto con il mercato. Si chiama Hera Start Up ed è l’offerta che la multiutility, in collaborazione con Democenter, fondazione che opera a sostegno delle nuove iniziative imprenditoriali ad alta intensità di conoscenza, e attraverso le società del Gruppo Hera Comm, Acantho e Herambiente, propone alle start up del territorio modenese. L’OFFERTA comprende fornitura di energia elettrica e gas e una serie di servizi essenziali a condizioni estremamente convenienti. L’iniziativa è stata presentata questa mattina in una conferenza stampa presso la sede Hera di Modena, a cui hanno partecipato il Sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli, l’Amministratore Delegato del Gruppo Hera Stefano Venier e il Presidente di Democenter Erio Luigi Munari.

La decisione di proporre questa opportunità nasce dalla consapevolezza, condivisa con i Comuni soci, che, soprattutto in una fase così complessa per l’economia del Paese, il ruolo di una multiutility non possa limitarsi a quello di fornitore di pubblici servizi, seppur erogati con qualità ed efficienza, ma debba piuttosto caratterizzarsi, ad ampio spettro, come elemento in grado di rendere più competitivo e attrattivo un territorio.

In questo senso, la partnership con Democenter rappresenta un’opportunità per promuovere l’offerta tra i giovani imprenditori a supporto dell’imprenditoria giovanile.

I REQUISITI. La proposta Hera è rivolta alle aziende in fase di start up dell’Emilia- Romagna. L’attività deve essere avviata da meno di 18 mesi e il titolare, o almeno la metà dei soci della start up, deve avere meno di 35 anni al momento della sottoscrizione del contratto (nell’allegato 1 sono elencati i principali requisiti di accesso).

Pagamento a 60 giorni e bollette on-line. Hera Start up prevede il pagamento delle fatture a 60 giorni, anziché i consueti 20, e la domiciliazione bancaria o postale delle fatture stesse. I giovani imprenditori e imprenditrici interessati potranno sottoscrivere l’offerta on line collegandosi al sito startup.gruppohera.it. Sul sito è presente anche una sezione dedicata ai partner dell’iniziativa, come istituzioni ed enti attivi a livello regionale e nazionale per lo sviluppo delle neo-imprese. Inoltre, le bollette saranno esclusivamente elettroniche e si riceveranno via e-mail: un modo per snellire l’operatività e contribuire concretamente alla sostenibilità ambientale.

Un pacchetto comprensivo di Internet e Telefonia. L’offerta comprende la possibilità di aggiungere a luce e gas anche la fornitura di servizi di telecomunicazione, grazie alla società del Gruppo Hera, Acantho. I clienti beneficeranno di prezzi convenienti per la navigazione su Internet e le telefonate. La connessione web illimitata, le chiamate illimitate verso i numeri fissi nazionali e 60 minuti verso i telefoni cellulari costeranno solo 32 euro al mese + Iva. Il prezzo è bloccato per tutta la durata del contratto. Un pacchetto vantaggioso, che porterà a un risparmio rispetto ai servizi forniti da altri operatori nazionali dedicati alle utenze business.

Una consulenza gratuita per lo smaltimento dei rifiuti. Grazie a Herambiente, leader nazionale nel trattamento dei rifiuti, le nuove imprese potranno richiedere un preventivo gratuito per la valutazione dei rifiuti prodotti e ricevere un’offerta economica per lo smaltimento definita sulle esigenze specifiche.

L’AD di Hera, Venier: ‘Crediamo nelle giovani energie’. ‘Nella visione del Gruppo Hera, una local utility rappresenta un elemento centrale nello sviluppo di infrastrutture materiali e immateriali che rendano sempre più competitivo e sostenibile il territorio – spiega Stefano Venier, Amministratore Delegato del Gruppo Hera. La proposta presentata oggi va esattamente in questa direzione e credo possa rappresentare un concreto contributo ad aiutare i giovani a intraprendere una nuova via imprenditoriale, di cui il Paese ha forte bisogno, così come il territorio emiliano romagnolo’.

Munari, Presidente Democenter. ‘Start up, innovazione e sostegno alle nuove imprese costituiscono gli elementi cardine della nostra azione sul territorio , per questo – rileva Erio Luigi Munari, Presidente della Fondazione Democenter, abbiamo molto apprezzato e deciso di sostenere con convinzione la proposta di Hera di fornire servizi ed energia a costi vantaggiosi per le nuove imprese. I prossimi mesi saranno decisivi per la nostra economia, un’azione che contribuisca a ridurre i costi e a semplificare la vita alle start up va sicuramente nella giusta direzione’.

Ti potrebbe interessare anche...