Cesena. Altro che fuga dal libro, alla biblioteca Malatestiana è boom di lettori e prestiti, un 2014 da grande stimolo per il futuro.

Cesena. Altro che fuga dal libro, alla biblioteca Malatestiana è boom di lettori e prestiti, un 2014 da grande stimolo per il futuro.
libri, foto di repertorio

CESENA. Oltre 300mila presenze in un anno, con una media di 840 utenti al giorno; più di 36mila iscritti ai servizi; poco meno di 10mila utenti attivi (con un aumento del 45% rispetto al 2012): sono solo alcuni dei numeri riferiti al’attività svolta dalla sezione moderna della Biblioteca Malatestiana nell’arco del 2014. A comunicarli il Sindaco Paolo Lucchi e l’Assessore alla Cultura Christian Castorri in una nota inviata ai consiglieri comunali per fare il punto della situazione sui servizi e le iniziative proposti dalla Biblioteca nel primo anno dopo l’ampliamento degli spazi e l’avvio di una nuova organizzazione.

Dopo un’ampia panoramica dei dati statistici, che consegnano la fotografia di una struttura in forte sviluppo e di una città amica dei libri e della sua Biblioteca, Sindaco e Assessore volgono lo sguardo al futuro, indicando la necessità di prevedere una programmazione culturale di alto spessore e per questo sollecitano l’avvio in tempi brevi di un confronto all’interno della III Commissione Consiliare, invitando il suo presidente a pianificare una seduta tematica dedicata alla programmazione e allo sviluppo della Biblioteca.

LA LETTERA INVIATA DAL SINDACO PAOLO LUCCHI E DALL’ASSESSORE CHRISTIAN CASTORRI AI CONSIGLIERI: 

Una delizia per lo sguardo e una ricchezza per lo spirito’. Sono le parole di Rai letteratura e si riferiscono alle 28 biblioteche italiane che, almeno una volta nella vita, andrebbero visitate. Fra queste c’è la nostra Biblioteca Malatestiana che, oltre ad essere patrimonio storico, artistico, monumento prestigioso della nostra città, è anche molto amata e apprezzata dai cittadini, come dimostrano i dati statistici del 2014.

Infatti, come potrete constatare, attraverso la sintesi che andremo a delineare di seguito, i dati di attività della Biblioteca Malatestiana riferiti al 2014, ci restituiscono la fotografia di una struttura in forte sviluppo e testimoniano ancora una volta come la Malatestiana, con i suoi 265.605 documenti consultabili (libri, riviste, periodici, dvd), sia il principale punto di riferimento culturale della città e dell’intero territorio.

Ma passiamo ai dati. Nel corso del 2014 le presenze in biblioteca sono state complessivamente 306.905, con una media giornaliera di 840. Un dato altissimo, non è raffrontabile con alcun anno precedente, poiché il ‘contatore di presenze’ è stato installato solo nel 2013.

NEL 2012. Se si passa invece al raffronto possibile, quello con il 2012 (l’ultimo anno nel quale la biblioteca è stata fruibile per gli interi dodici mesi), gli iscritti ai servizi risultano aumentati del 17%, passando da 30.860 a 36.148, mentre gli utenti attivi che hanno usufruito dei servizi bibliotecari nell’arco dell’anno 2014, sono aumentati da 6.717 a 9.745 (+ 45,07% rispetto al 2012). Gli utenti attivi rappresentano, in modo pressoché omogeneo, le varie fasce di età: 2.826 (29% del totale) sono bambini e ragazzi di età inferiore ai 18 anni, 3.586 (36,8% del totale) sono le persone di età compresa fra i 18 e 40 anni, mentre 3.333 (34,2% del totale) sono gli utenti con età superiore ai 40 anni.

L’utente per eccellenza della Biblioteca Malatestiana è donna. Le lettrici, infatti, rappresentano il 59,7% del totale e la loro prevalenza, che riguarda tutte le fasce d’età, si concentra specialmente nella fascia d’età 18-60, cui appartiene il numero più  elevato di coloro che utilizzano i servizi della biblioteca (39,25%).

Particolarmente significativo è il dato relativo ai 4.002 nuovi iscritti del 2014, che aumentano del 92% rispetto ai 2.077 nuovi iscritti del 2012.

Ma nel 2104, contestualmente all’aumento degli utenti, è decisamente cresciuto anche l’utilizzo dei servizi bibliotecari che, con un totale di 155.428 movimenti complessivi, crescono del 56% rispetto ai 99.633 del 2012. L’analisi del dato risulta essere ancor più significativa se si analizzano i singoli ambiti della Biblioteca (Sezione adulti, Sezione ragazzi e Mediateca) ed i singoli e specifici servizi offerti (prestiti, prenotazioni, consultazioni, prestiti interbibliotecari e richieste di prestito).

La Sezione adulti, con 50.295 movimenti librari (suddivisi in 43.495 prestiti librari, 3.789 prenotazioni, 310 consultazioni, 329 prestiti interbibliotecari e 2.372 richieste di prestito) ha registrato un aumento del 24,6 %, rispetto ai 40.365 del 2012.

Anche la Sezione ragazzi con 43.236 movimenti librari (suddivisi in 40.615 prestiti librari, 1.458 prenotazioni, 95 consultazioni, 20 prestiti interbibliotecari e 1.048 richieste di prestito) ha segnato un aumento del 12%, rispetto ai 38.603 del 2012.La Mediateca, infine, può contare su un incremento del 232% rispetto al 2012, con 61.248 movimenti totali (57.451 prestiti, 1.994 prenotazioni, 1.570 utilizzi delle postazioni video, 11 prestiti interbibliotecari e 22 richieste di prestito).

La Biblioteca Malatestiana è stata anche il luogo che, durante il 2014, ha ospitato 363 eventi, con un ampio coinvolgimento delle scuole, dei gruppi di lettura, delle associazioni e dei cittadini. Nel corso del 2014, all’interno della nostra Biblioteca, si sono infatti svolti: 102 presentazioni di libri, 135 fra convegni e giornate di corso, 61 fra concerti, spettacoli e mostre. Infine, in 65 occasioni gli spazi della biblioteca hanno ospitato appuntamenti istituzionali e conferenze.

Le visite da parte delle scuole sono state 51, generando una presenza complessiva di 1.411 ragazzi.

Le visite guidate nella Biblioteca Antica sono aumentate del 17% (in questo caso, la comparazione è naturalmente possibile con il 2013), portando nell’aula del Nuti ben 16.810 visitatori, contro i 14.367 del 2012.

I dati relativi alla Biblioteca Malatestiana, fortunatamente – e di questo possiamo essere orgogliosi come comunità – sono quindi in controtendenza rispetto ai dati statistici nazionali e ne mettono in evidenza il ruolo di presidio di conoscenza, informazione e promozione della lettura, scongiurando nella nostra città quella ‘fuga dal libro’ e dalla cultura, ormai purtroppo dilagante in buona parte del nostro Paese. Di questo risultato, siamo consapevoli di poter ringraziare i dipendenti attuali e quelli del passato, ma anche tutti coloro che, a vario titolo, possono essere definiti ‘amici della Malatestiana’.

Toccherà ora al Dirigente del settore cultura (la cui procedura di selezione terminerà nella prima parte del mese di marzo), prendere il testimone di questi dati così positivi e lavorare per implementarli, rispettando l’equilibrio della Malatestiana anche grazie al supporto del costituendo ‘Comitato Scientifico’, cui spetterà il compito di aiutarci ad accrescere la qualità della programmazione culturale e dei servizi della Biblioteca Malatestiana.

Partendo proprio da questi dati – che, come avete visto, risultano essere particolarmente positivi in ogni ambito e relativamente ad ogni servizio erogato – diviene fondamentale prevedere per il futuro una programmazione culturale di alto spessore, all’altezza del prestigio e dell’importanza della nostra Malatestiana.

In quest’ottica, riteniamo fondamentale l’avvio celere di un confronto in seno alla terza Commissione Consiliare e ci permettiamo di invitare il Presidente della stessa a prevedere, nell’ambito della pianificazione dei lavori, una seduta tematica attorno ai temi di programmazione e sviluppo della nostra Biblioteca.

 

Ti potrebbe interessare anche...