Bologna. Lezione di integrità per contrastare le frodi nello sport, l’obiettivo è combattere il match fixing, ovvero le scommesse.

Bologna. Lezione di integrità per contrastare le frodi nello sport, l’obiettivo è combattere il match fixing, ovvero le scommesse.
Calcioscommesse

BOLOGNA.REGOLIAMOCI. LE REGOLE DEL GIOCO PULITO’: questo il nome del progetto realizzato dalla Lega Serie B insieme a Sportradar, con il contributo dell’Istituto per il Credito Sportivo, che fa tappa in tutte le società della Serie B e oggi è all’undicesimo appuntamento a Bologna. L’obiettivo è combattere il match fixing e le frodi sportive utilizzando le armi efficaci della conoscenza e della formazione.

BOLOGNA FC. Prima squadra, allievi, primavera, staff tecnico, dirigenti. Tutto il club partecipa al progetto – presentato oggi presso la sala stampa del centro tecnico Niccolò Galli – attraverso gli incontri formativi con l’avvocato Marcello Presilla, responsabile per l’Italia di Sportradar AG, società leader nell’analisi dei flussi di scommesse e nella lotta al match-fixing, scelta come ‘Integrity Partner’ della Lega Serie B. A supportare il lavoro di educazione e contrasto al match fixing per giocatori e dirigenza, l’avvocato Guido Camera, legale che assiste la Lega Serie B, quale parte lesa, nei procedimenti penali di Cremona, Bari e Napoli. Inoltre l’Istituto di Credito Sportivo ha scelto di appoggiare le attività formative dimostrando grande fiducia nel progetto.

INFORMAZIONE COME ANTIDOTO. Grazie ai workshop tenuti durante la giornata, tutti i tesserati del Bologna FC saranno formati sulle dinamiche relative ai possibili tentativi di frode, sui rischi di un eventuale coinvolgimento diretto, sulle tecniche che le organizzazioni criminali utilizzano per avvicinare i tesserati: una vera e propria lezione di ‘autodifesa’ resa ancora più efficace grazie alla visione e all’analisi di episodi realmente accaduti, tratti dall’esperienza internazionale degli analisti di Sportradar. Particolare attenzione è rivolta anche al ruolo dei social network, strumenti di contatto sempre più spesso usati dai cosiddetti fixers, per carpire la fiducia di atleti di ogni fascia di età e sfruttarne l’amicizia al fine di alterare il regolare svolgimento delle partite.

Attraverso il Fraud Detection System, il centro di analisi di Sportradar a Londra analizza oltre 5 miliardi di dati su base giornaliera, incrociando i flussi di scommesse con migliaia di dati sportivi e generando i report dettagliati su tutte le partite di Serie B e A dei 54 Paesi UEFA.

Il progetto Regoliamoci è organizzato e coordinato da Gianluigi Pocchi responsabile delle attività di Integrity e delle iniziative di Responsabilità Sociale della Lega Serie B.

Ti potrebbe interessare anche...