Ravenna. Alla biblioteca Classense un omaggio alla figura di George Gordon Byron e Teresa Gamba attraverso alcune lettere di carteggio byroniano.

Ravenna. Alla biblioteca Classense un omaggio alla figura di George Gordon Byron e Teresa Gamba attraverso alcune lettere di carteggio byroniano.
Biblioteca Classense Ravenna

RAVENNASABATO 14 MARZO 2015  alle ’17, presso la Sala Muratori dell’ Istituzione Biblioteca Classense ( via Baccarini 5,  Ravenna) si terrà un incontro organizzato da FIDAPA BPW Italy sezione di Ravenna e dall’ Istituzione Biblioteca Classense dedicato alla figura di George Gordon Byron e Teresa Gamba, in occasione del restauro di alcune lettere del carteggio byroniano, restaurate con il sostegno di FIDAPA. Si tratta delle ultime lettere inviate dal poeta a Teresa, dalla Grecia, dove si era recato per combattere per l’indipendenza della nazione greca, e dove trovò la morte il 19  aprile 1824.

QUESTO RESTAURO fa seguito ad altre iniziative di FIDAPA: nel 1993 il restauro di una preziosa cinquecentina, testo di astronomia di proprietà della Biblioteca  Classense; nel 1997 il restauro del ritratto di Dante eseguito dal pittore Attilio Runcaldier oggi visibile presso il Museo Dantesco; nel 2013 il restauro del volume ‘Metropolitana di Ravenna’ del Cavalier Gian Francesco Buonamici  opera settecentesca anch’essa conservata presso la Biblioteca Classense.

L’evento, oltre a voler evidenziare l’intervento di FIDAPA nell’ambito dei beni culturali, offre l’occasione per una riflessione sulla figura complessa e affascinante del grande poeta scozzese che trascorse alcuni anni nella nostra città., ma soprattutto sul  fondo byroniano donato alla Biblioteca Classense dalla famiglia Gamba a metà del secolo scorso.

INTERVERRANNO: Claudia Agrioli  ‘FIDAPA e i restauri per l’Istituzione Biblioteca Classense’; Claudia Giuliani ’Teresa Gamba e i suoi ricordi, dalla raccolta alla conservazione’; Donatino Domini ’Il mito di GEORGE BYRON ‘; letture di Anna De Lutiis e Lorenza Franchetti. 


Ti potrebbe interessare anche...