Ravenna. HeraLab: al via il bando universitario di idee, per il recupero delle acque meteoriche e reflue, applicabile al quartiere Darsena di città .

Ravenna. HeraLab: al via il bando universitario di idee, per il recupero delle acque meteoriche e reflue, applicabile al quartiere Darsena di città .
Presentazione bando HeraLab Ravenna

RAVENNA. Sono 3.000 euro in palio per il team di studenti universitari dell’ateneo ravennate che elaboreranno un progetto sull’uso consapevole della risorsa idrica, nella progettazione edilizia e urbanistica.

Proseguono le iniziative promosse da HeraLab (il nuovo strumento di dialogo e partecipazione promosso da Hera che coinvolge vari portatori di interesse del territorio ravennate) nel territorio ravennate. E’ al via infatti il nuovo progetto che sarà sviluppato e realizzato in collaborazione con l’ateneo di Ravenna, per sensibilizzare i giovani studenti e laureandi ad un tema di grande importanza: l’uso consapevole della risorsa di acqua dolce nella progettazione edilizia ed urbanistica.

Nei giorni scorsi, presso il campus ravennate si è tenuto il lancio del Concorso ‘Recupero di acque meteoriche e reflue in ambito urbano, in specifico nel quartiere Darsena di città, in un’ottica di riduzione dello spreco e di riutilizzo utile per il privato e per la comunità’. Il bando è stato illustrato dall’Architetto Leonardo Rossi, del Servizio Progettazione Urbanistica del Comune di Ravenna e dall’Architetta Piera Nobili libera professionista e componente di HeraLAB.

IL BANDO. Il bando è riservato a studenti e laureandi dei Corsi di Laurea Magistrale in Ingegneria dei processi e dei sistemi edilizi e Analisi e gestione dell’ambiente. E’ esplicitamente richiesta la formazione di equipe interdisciplinari dei due percorsi di laurea, per avere uno sguardo integrato fra conoscenze tecniche e scientifiche, sia in tema di qualità di materiali e del loro uso, sia per ricerca di tecnologie costruttive e riciclaggio, senza escludere infine il tema della geochimica dell’acqua, della salvaguardia dell’ambiente e della salute. Il concorso punta a stimolare nei concorrenti l’aspetto educativo del lavoro in cooperazione, importante per riconoscere ed accogliere le diverse competenze.

IL PROGETTO. Gli studenti dovranno individuare la modalità d’intervento più corretta per ridurre i consumi di acqua potabile tramite il riuso di acque meteoriche e reflue, individuando ad esempio quali siano le caratteristiche che deve avere l’acqua da raccogliere per essere facilmente riutilizzabile senza sprechi; scegliere i materiali e le tecniche costruttive più adatte alla realizzazione di manti di copertura, di pavimentazioni di terrazzi ed aree esterne al fine di raccogliere le acque; capire quali siano i sistemi più idonei di raccolta, filtrazione e distribuzione con particolare riguardo alla depurazione in funzione del riuso individuato…

IL PREMIO. Il premio che verrà corrisposto al progetto vincitore sarà di 3.000 euro. In caso di ex-aequo il premio verrà ripartito proporzionalmente fra i vincitori. Per i progetti classificatisi al secondo, terzo, quarto e quinto posto, sono previsti rimborsi spese di 500 euro cadauno. A tutti i concorrenti verrà rilasciato un ‘Attestato di partecipazione’ al concorso.

LA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE: La domanda di partecipazione al concorso, redatta in carta semplice, è scaricabile dal sito www.heralab.gruppohera.it/ravenna/temieiniziative e dovrà essere indirizzata a Hera S.p.A. Direzione CSR, Viale Berti Pichat 2/4 Bologna entro il 30 settembre 2015.

LA COMMISSIONE:

La commissione esaminatrice, nominata da Hera, sarà composta da:

Arch.Piera Nobili, libera professionista e componente HeraLAB

Arch. Leonardo Rossi, Servizio Progettazione Urbanistica del Comune di Ravenna

Prof.Enrico Dinelli docente dell’Università di Bologna – Campus Ravenna

Prof. Ernesto Antonini docente dell’Università di Bologna – Campus Ravenna

Ing. Andrea Gambi, Amministratore Delegato di Romagna Acque Società delle Fonti S.p.A.

Ing. Francesco Ruggeri, Resp. Servizi Fognatura e Depurazione di Hera S.p.A.

HeraLab: il Local Advisory Board di Ravenna

L’attività di HeraLab è partita nel 2013 e Ravenna è stata la prima sede nella quale il Gruppo Hera ha sperimentato questo innovativo strumento di coinvolgimento del territorio. Sono seguiti altri incontri, nel corso dei quali i dodici componenti del Lab, rappresentanti di diverse categorie di portatori d’interesse locali, hanno costruito proposte di interventi di coinvolgimento degli stakeholder e di iniziative, da realizzare anche in collaborazione con altri soggetti, per promuovere e migliorare la sostenibilità dei servizi forniti da Hera. Attualmente, gli HeraLab sono attivi anche a Imola-Faenza, Rimini, Ferrara e Bologna.

 

 

Ti potrebbe interessare anche...