Ravenna. Per la giornata mondiale della consapevolezza dell’autismo (2 aprile), la città mette in campo diverse iniziative per sensibilizzare sulla sindrome.

Ravenna. Per la giornata mondiale della consapevolezza dell’autismo (2 aprile), la città mette in campo diverse iniziative per sensibilizzare sulla sindrome.
autismo, foto di repertorio

RAVENNA. GIOVEDI’ 2 APRILE, in occasione della giornata mondiale della consapevolezza dell’autismo Ravenna ospiterà alcune iniziative organizzate dalla Associazione nazionale genitori soggetti autistici (Angsa). L’elemento che accomunerà la città alle altre realtà italiane e straniere, che si attiveranno in questa giornata, è quello di ILLUMINARE DI BLU nella notte tra l’1 e il 2 aprile un luogo che, per quanto riguarda Ravenna, sarà il sagrato della chiesa di  S.Francesco. 

Con un seminario organizzato da Angsa per mercoledì 1 aprile in collaborazione con Ausl, Comune e Coop. S.Vitale che avrà luogo nell’aula Magna dell’istituto Nervi  Severini, si offriranno gli strumenti per comprendere la sindrome autistica e attivare modalità di sostegno a chi ne è affetto. Per il Comune sarà presente l’assessora alle politiche sociali Giovanna Piaia.

L’OBIETTIVO di Angsa di quest’anno su vasta scala è infatti quello di sensibilizzare sia il grande pubblico su questa problematica attraverso una serata musicale di Gala alla sala Sinopoli, parco della musica di Roma, condotta da Eleonora Daniele e trasmessa in diretta dal Terzo canale della RAI che manderà in onda la stessa sera anche il film ‘Pulce non c’è’, che le più alte cariche dello stato. Giovedì una delegazione di Angsa, di cui faranno parte due famiglie e una volontaria di Ravenna, sarà ricevuta dal presidente della Repubblica Mattarella.

‘Oltre la resistenza faticosa delle famiglie e dei professionisti che hanno cercato in questi anni di aprire un varco di intervento multidisciplinare su una patologia molto complessa nelle sue fisionomie- dichiara  l’assessora alle politiche sociali Giovanna Piaia - oggi appare e si valorizza sempre di più il ruolo della rete e della formazione. Diagnosi precoce, riabilitazione personalizzata, capacità relazionali di tutto il contesto di vita saranno, ci auguriamo presto, previsti da una prima legge italiana che ha trovato convergenza in Commissione Igiene e Sanità. Linee guida e aggiornamento dei Lea qualificheranno in modo uniforme gli interventi di diagnosi e trattamento, oltre le valide sperimentazioni di questi anni realizzate soprattutto nel periodo scolare’.

Ti potrebbe interessare anche...