Cesena. Alla Malatestiana il dramma della Prima Guerra Mondiale nelle opere dei grandi compositori che vissero quel periodo storico.

Cesena. Alla Malatestiana il dramma della Prima Guerra Mondiale nelle opere dei grandi compositori che vissero quel periodo storico.
Prima Guerra Mondiale soldati in trincea

CESENA. La GRANDE GUERRA nelle note dei compositori che precedettero e vissero quel periodo storico. E’ una lettura musicale particolare quella al centro della rassegna ‘Anni di guerra – Il Conservatorio per la Malatestiana‘.

IL CICLO, che fa parte del programma di iniziative dedicate al centenario della morte di Renato Serra, è promosso dal Conservatorio ‘Bruno Maderna’ ed è articolato in cinque concerti che si terranno da MERCOLEDI’ 15 APRILE  fino al 13 maggio ogni mercoledì alle 17.30 in Biblioteca Malatestiana. I singoli appuntamenti prenderanno in considerazione diversi aspetti, attingendo al repertorio di numerosi compositori di fine Ottocento e del primo Novecento.

La scansione è quella cronologica: si comincia con i Paesi contendenti che danno inizio alla guerra nel 1914, si prosegue con l’entrata in guerra dell’Italia nel 1915, per proseguire con l’entrata della Romania nel 1916, l’ingresso degli Stati Uniti nel 1917 e la contestuale uscita della Russia, per finire con ‘La guerra è finita: tutti a casa‘ nel 1918.

IL PRIMO APPUNTAMENTO, intitolato ‘Anni di guerra. 1914: i contendenti’, è fissato per mercoledì 15 aprile alle 17.30: gli allievi e gli insegnanti del Maderna si produrranno in musiche di Beethoven, Brahms, Debussy, Elgar e Rachmaninov.

L’espediente narrativo e musicale scelto è quello del recupero di compositori originari delle nazioni inizialmente coinvolte nel primo conflitto mondiale (i “contendenti” appunto): Germania (Beethoven e Brahms), Francia (Debussy), Inghilterra (Elgar) e Russia (Rachmaninov).  Tutti, a parte Beethoven e Brahms morti entrambi nell’800, hanno vissuto quegli anni, turbolenti prima e tragici poi, e hanno riversato nelle loro composizioni elementi del dramma umano che si consumava in Europa tra il 1915 e il 1918.

Al violino sarà impegnato Nicolò Grassi, al clarinetto Xhovan Dimo e al pianoforte Massimiliano Turchi. Per maggiori informazioni tel. 0547/356327 o sulla pagina Facebook centenarioserra.

 

 

 

Ti potrebbe interessare anche...