Faenza. La tradizionale ‘Donazione dei ceri’ apre anche quest’anno le iniziative legate al Palio del Niballo. o

Faenza. La tradizionale ‘Donazione dei ceri’ apre anche quest’anno le iniziative legate al Palio del Niballo. o
Sbandieratori e musicisti del Palio del Niballo di Faenza. Immagine di repertorio.

FAENZA. E’ programmata SABATO 9 MAGGIO, in occasione delle celebrazioni per la Beata Vergine delle Grazie, patrona della città, la tradizionale cerimonia della ‘Donazione dei Ceri’, nata nel 1997, che anche quest’anno apre le iniziative legate al Palio del Niballo.

I cortei dei cinque Rioni faentini e del Gruppo Municipale si ritroveranno alle ore 17.30 in piazza Nenni. Qui il Gruppo Municipale consegnerà ai Rioni i cinque ceri completi, quindi, alle 17.45, il corteo partirà per raggiungere la Cattedrale, percorrendo via Pistocchi, via Severoli, piazza del Popolo e piazza della Libertà.

Ogni delegazione rionale sarà composta da un tamburino, due sbandieratori, un portacero, due figure maschili, un portagonfalone, due armati e il capo rione.

Il Gruppo Municipale, invece, da cinque chiarine, cinque tamburini, un portagonfalone, un portacero, il reggente del Gruppo Municipale, il Podestà della Giostra, un notabile, quattro armati, tre rotellini, e il Maestro di Campo.Arrivati davanti alla Cattedrale, i musici si schiereranno ai lati della gradinata e le chiarine sul sagrato. Dopo alcuni squilli di chiarine e rulli di tamburo le delegazioni del Gruppo Municipale e dei Rioni entreranno nella Cattedrale.

Quando tutte le figure avranno preso posizione, dal sagrato entreranno in chiesa anche tamburi e chiarine. 

A questo punto, chiamati dal Maestro di Campo, i portaceri del Gruppo Municipale e dei Rioni si porteranno al centro della navata centrale della chiesa e, affiancati dai rispettivi capi rioni, andranno a donare all’officiante il cero con il proprio stemma (ogni candela misura oltre un metro e mezzo d’altezza, per un diametro di circa dieci centimetri).

Consegnato il cero e ritornati nelle proprie posizioni, il vescovo mons. Mario Toso consegnerà alla città, rappresentata dal Sindaco e dal Gruppo Municipale, il drappo del Palio del Niballo 2015. Il drappo sarà successivamente portato in Sacrestia e, alla fine della celebrazione della santa messa, sarà posizionato su un apposito portagonfalone presso l’altare della cappella della Madonna delle Grazie, dove resterà esposto fino alle ore 16.00 del giorno della disputa della giostra del Palio del Niballo. Terminata la cerimonia i vari gruppi usciranno dalla Cattedrale fermandosi sulla scalinata del sagrato per ricevere il saluto del Vescovo, prima di fare ritorno nelle proprie sedi rionali.

 

Ti potrebbe interessare anche...