Faenza. Alla Pinacoteca il secondo appuntamento con il ciclo ‘Artemisia e le altre’ dedicato alle artiste del movimento surrealista.

Faenza. Alla Pinacoteca il secondo appuntamento con il ciclo ‘Artemisia e le altre’ dedicato alle artiste del movimento surrealista.
Pinacoteca di Faenza. Immagine di repertorio.

FAENZA. VENERDI’ 22 MAGGIO prossimo, alle ore 17.30, in Pinacoteca comunale (via Santa Maria dell’Angelo, 9), si terrà la seconda conferenza del ciclo ‘Artemisia e le altre‘, realizzata dalla Pinacoteca in collaborazione con l’Associazione 194 donne.

Anche questa conferenza, come la precedente, sarà dedicata alle artiste del movimento surrealista. Relatrice la professoressa Maria Grazia Morganti. Protagoniste di questo secondo appuntamento saranno, in particolare, Remedios Varo e Leonor Fini. 

Remedios Varo è nata nel 1908 in Spagna e dopo aver vissuto a Parigi e Barcellona si è trasferita in Messico, nel 1941, dove ha vissuto fino alla morte (1963). La sua è una pittura molto personale di tipo onirica, piena di oggetti con racconti, segni e simboli tra loro molto collegati.

Leonor Fini è nata a Buenos Aires nel 1907 da genitori di origine europee. Trasferitasi con la madre a Trieste ha vissuto l’atmosfera della città negli anni Venti; lasciata Trieste si è spostata prima a Milano poi a Parigi.

Ha dipinto negli anni Trenta e Quaranta secondo lo stile surrealista. Dopo la Seconda Guerra Mondiale ha vissuto per anni a Roma, diventando protagonista del mondo artistico e culturale romano. Morta in Francia nel 1996, può essere considerata una vera protagonista del Novecento poiché non si è limitata solo alla pittura ma è stata scrittrice di romanzi, appassionata di disegno e fotografia, capace di vivere in modo libero e dissacratorio.

Ti potrebbe interessare anche...