Ravenna. ‘Ninna nanna della guerra’, gli studenti della Mattei sul palco per ricordare un evento che ha cambiato per sempre le speranze di milioni di persone.

Ravenna. ‘Ninna nanna della guerra’, gli studenti della Mattei sul palco per ricordare un evento che ha cambiato per sempre le speranze di milioni di persone.
Prima Guerra Mondiale soldati in trincea

RAVENNA. In occasione del centenario della Prima guerra mondiale, VENERDI’ 22 MAGGIO alle ore 18 e in replica alle 20, 30 nell’Aula Magna della Scuola ‘Mattei’ gli studenti della stessa scuola presenteranno ‘Ninna Nanna della guerra’, per la regia di Paola Baldini, la drammaturgia di Silvia Savorelli, e la direzione del coro di Giuliana Casazza in collaborazione con Ivan Corbari e Gianluigi Tartaull.

Lo spettacolo vede coinvolti gli studenti delle classi terze che hanno partecipato ai laboratori di canto e di teatro; rientra nelle iniziative organizzate da Capit di Ravenna e Assemblea Legislativa della Regione Emilia Romagna in collaborazione con la Pro Loco di Marina di Ravenna e l’Istituto Comprensivo del Mare, coi patrocini del Comune e della Provincia di Ravenna e dell’ Istituto Storico della Resistenza e dell’Età contemporanea.

In rappresentanza del Comune sarà presente allo spettacolo delle 18 l’assessora alla cultura, istruzione e infanzia Ouidad Bakkali.

Un estratto dello spettacolo sarà poi presentato al Museo Nazionale all’interno della manifestazione ‘Nutrimenti per la crescita’ MARTEDI’ 26 MAGGIO alle 15 e in replica alle 16 e 17. www.cantieridanza.org/nutrimentiperlacrescita/

SCHEDA SPETTACOLO: Dal progetto ‘Papaveri e Uomini’ per le classi III dell’istituto comprensivo del Mare di Marina di Ravenna, Scuola secondaria di primo grado ‘Mattei’. Regia: Paola Baldini. Drammaturgia: Silvia Savorelli.

Direzione del coro: Giuliana Casazza in collaborazione di Ivan Corbari e Gianluigi Tartaull.

La Prima Guerra mondiale ha cambiato per sempre le speranze e i sogni di milioni di uomini e di donne e attraverso le lettere e i diari inediti dei soldati mandati al fronte, le immagini fotografiche e filmiche e i canti delle trincee (Addio padre e madre addio, Ninna nanna de la guerra, Gorizia, Fuoco e mitragliatrici), vi conduciamo in questo tragico percorso. 

 

Articoli più letti