Alfonsine. Nasce il mercato del biologico. Un progetto per valorizzare i produttori locali e i prodotti di qualità del territorio.

Alfonsine. Nasce il mercato del biologico. Un progetto per valorizzare i produttori locali e i prodotti di qualità del territorio.
Mercato biologico

ALFONSINE. Sarà piazza Monti a ospitare il mercato del biologico di Alfonsine, la nuova iniziativa il cui debutto è fissato per MERCOLEDI’ 10 GIUGNO. La giornata inaugurale sarà animata da ‘Muka Loca’, associazione culturale alfonsinese che si occupa di intrattenimento.

Il mercato biologico è stato voluto da alcuni operatori (agricoltori, commercianti e artigiani) e dall’Amministrazione comunale; si svolgerà con cadenza settimanale, nel pomeriggio del mercoledì a partire dalle 16.30; l’ubicazione è stata studiata, oltre che per garantire una buona visibilità e accessibilità al mercato stesso, anche per consentire una piena interazione con la città e con il quartiere Destra Senio.

‘Si tratta di una iniziativa propostaci da alcuni operatori e che abbiamo cercato di valutare quanto più attentamente possibile, confrontandoci, ritengo anche molto apertamente, con le associazioni di categoria dei vari ambiti economici e parlandone con la locale Consulta – ha spiegato Riccardo Graziani, ,assessore comunale allo Sviluppo economico -; è una esperienza  già presente in altre realtà, il cui scopo è la promozione della cultura del biologico, del suo imprescindibile ruolo nella salvaguardia del cibo sano e genuino, della salute delle persone e della tutela ambientale; preciso che il mercato viene attivato per un iniziale periodo di sperimentazione, che durerà sino alla fine del 2015. Se questa formula mostrerà di essere apprezzata dai nostri cittadini, potrà diventare un appuntamento fisso per tutto l’arco dell’anno. Infatti, all’esito del periodo sperimentale, si porrà in essere ogni opportuna valutazione in ordine alla prosecuzione dell’esperienza. Peraltro, una piccola anteprima, contraddistinta da un apprezzabile riscontro di pubblico, ha già avuto luogo nella serata di sabato 30 maggio nel corso della Sagra delle Alfonsine’.

I beni venduti dovranno essere muniti di certificazioni che attestino la produzione secondo il metodo e i principi dell’agricoltura biologica e gli operatori dovranno conformarsi a tutte le disposizioni di carattere igienico sanitario stabilite dalle leggi vigenti in materia, adottando, coerentemente allo spirito dell’iniziativa, modalità operative tese a ridurre in peso e volume degli imballaggi e utilizzando, anche nel rapporto con la clientela, materiale a basso impatto ambientale o riciclabile. 

Inoltre, potranno collaborare e partecipare anche ulteriori attività artigianali o commerciali già presenti ad Alfonsine, e che intendano effettuare la vendita diretta dei prodotti biologici.

 

Ti potrebbe interessare anche...