Firenze. Vicchio. Nelle case della memoria un programma di appuntamenti in occasione del centenario della Grande guerra.

Firenze. Vicchio. Nelle case della memoria un programma di appuntamenti in occasione del centenario della Grande guerra.
sigfrido bartolini casa della memoria

FIRENZE. VICCHIO. Le Case della Memoria aprono le porte a un nuovo programma di appuntamenti pensati, questa volta, in occasione del centenario della Grande Guerra. Si chiama “Memoria d’Autore per la Prima Guerra Mondiale”, il progetto che l’Associazione Nazionale Case della Memoria (la rete delle abitazioni di alcuni dei più importanti personaggi della cultura italiana), dedica al primo conflitto mondiale, che in Italia ha avuto inizio cento anni fa ma anche, più in generale, al tema della guerra e delle guerre nel mondo. Sono numerosi gli appuntamenti nelle Case della memoria italiane, tra Vicchio, Cesena e Pistoia. La Fondazione Montanelli Bassi di Fucecchio ha invece promosso, tra febbraio e marzo, il ciclo di incontri “La Toscana nella grande guerra”, dedicato ai riflessi che la grande guerra ebbe nella nostra regione.

Casa Museo Sigfrido Bartolini - Due scorci -

“Memoria d’Autore” va ad aggiungersi alle tante iniziative organizzate dall’Associazione Nazionale Case della Memoria, a partire dalla prossima partecipazione ad Expo, fino al calendario semestrale di eventi “A tavola con i grandi” che permette di scoprire i grandi protagonisti della storia e della cultura del nostro Paese attraverso la cucina e il gusto. “Organizzare calendari collettivi di eventi e fare rete – hanno spiegato il presidente e il vicepresidente dell’Associazione, rispettivamente Adriano Rigoli e Marco Capaccioli – significa creare un circuito virtuoso in grado di far conoscere e apprezzare meglio, e in un’ottica più ampia, il valore delle Case della Memoria e ciò che esse rappresentano”.

Associazione Nazionale Case della Memoria

L’associazione nazionale Case della Memoria è l’unica rete museale di case museo di personaggi illustri a livello nazionale e partecipa alla Conferenza Permanente delle Associazioni Museali Italiane di ICOM Italia. È composta da 48 case museo in Piemonte, Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche, Lazio, Sicilia e Sardegna, mettendo in rete le abitazioni in cui hanno vissuto Dante Alighieri, Giotto, Francesco Petrarca, Giovanni Boccaccio, Francesco Datini, Leonardo da Vinci, Niccolò Machiavelli, Francesco Cavassa e Emanuele Tapparelli D’Azeglio, Agnolo Firenzuola, Pontormo, Benvenuto Cellini, Filippo Sassetti, Lorenzo Bartolini, Silvio Pellico, John Keats e Percy Bysshe Shelley, Francesco Guerrazzi, Giuseppe Verdi, Elizabeth Barrett e Robert Browning, Pellegrino Artusi, Corrado Arezzo de Spuches e Gaetano Combes de Lestrade, Giosuè Carducci, Sidney Sonnino, Giovanni Pascoli, Giacomo Puccini, Ferruccio Busoni, Maria Montessori, Enrico Caruso, Renato Serra,  Giorgio de Chirico, Antonio Gramsci, Raffaele Bendandi, Piero Bargellini, Enzo Ferrari, Primo Conti, Leonetto Tintori, Indro Montanelli, Italo Zetti, Ivan Bruschi, Ilario Fioravanti, Goffredo Parise, Barbara Marini Clarelli e Francesco Santi, Loris Jacopo Bononi, Giorgio Morandi, Sigfrido Bartolini. Info: www.casedellamemoria.it.

• Vicchio (FI) | Casa di Benvenuto Cellini

Corso del popolo

Tel. 055.8439269
www.comune.vicchio.fi.it

ufficio.cultura@comune.vicchio.fi.it

 

Ti potrebbe interessare anche...