Sogliano al Rubicone. Una mostra al Palazzo della cultura sulla figura inedita di Ramberto Malatesta, conte di Sogliano.

Sogliano al Rubicone. Una mostra al Palazzo della cultura sulla figura inedita di Ramberto Malatesta, conte di Sogliano.
Ramberto Malatesta

SOGLIANO AL RUBICONE. Dopo un oblio di cinque secoli, grazie a una ricerca di Andrea Antonioli durata cinque anni tra Biblioteche e Archivi di tutta Italia ed anche d’Europa, è riemersa l’inedita figura di Ramberto Malatesta conte di Sogliano, personaggio dai risvolti sorprendenti e suggestivi, il  Malatesta più colto di tutti i tempi, nonché uno dei maggiori astrologi e maghi d’Europa che studiò filosofia all’Accademia Neoplatonica di Marsilio Ficino.

Il progetto del dott. Antonioli è stato sostenuto e promosso dal Comune di Sogliano al Rubicone e dall’Ente Morale  Museo e Biblioteca Renzi di San Giovanni in Galilea (Borghi) ed ha visto la collaborazione di ben tre Università (Zurigo, Firenze e Bologna), degli Archivi di Stato di Rimini, Forlì-Cesena e della Repubblica di San Marino, dell’Istituto Beni Culturali della Regione Emilia-Romagna, della Biblioteca Malatestiana di Cesena. Altri Enti ed Istituzioni patrocinanti sono il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, il Segretariato di Stato per l’Istruzione e la Cultura della Repubblica di San Marino, l’Istituto Nazionale di Studi sul Rinascimento, i Comuni di Sogliano al Rubicone, Borghi, Cesena e di Terre del Rubicone, la Provincia di Forlì-Cesena, la Società Dante Alighieri, il Touring Club Italiano e AdArte Rimini.

Dopo la presentazione del volume e la mostra alla Biblioteca Malatestiana di Cesena, ecco la seconda tappa che prevede una conferenza a Sogliano al Rubicone alle ore 18 del 13 giugno 2015, in occasione de ‘Gli ori di Sogliano’ presso il teatro e una mostra presso il Palazzo della Cultura, con il supporto del preziosissimo volume ed interventi del prof. Giancarlo Garfagnini dell’Università di Firenze, del dott. Gianluca Braschi Direttore degli Archivi di Stato di Rimini, Forlì e Cesena, del dott. Paolo Rondelli Direttore dell’Archivio di Stato e della Biblioteca di Stato della Repubblica di San Marino, di Fiamma Lenzi responsabile dei Musei dell’Istituto Beni Culturali della Regione Emilia-Romagna, di Francesco Belli artista cesenate e del dott. Andrea Antonioli Direttore del Museo Biblioteca Renzi di Borghi.

La mostra, curata dall’autore Andrea Antonioli e dalla dott.ssa Fiamma Lenzi durerà fino al 13 settembre 2015 e si articola in due sezioni:

- una sezione documentaria, con l’esposizione di lettere di contenuto politico e astrologico, oroscopi, tavole del cielo, atti ufficiali, dediche, ecc.);

- una sezione storico-artistica, con l’esposizione di opere d’arte corredate da testi che ripercorrono cronologicamente la vita e il pensiero del Malatesta più colto di tutti i tempi.

Vanno segnalate decine e decine di lettere di contenuto politico, filosofico, astrologico, e poi opere e trattati, oroscopi, pronostici, atti e documenti pubblici e privati rinvenuti in Biblioteche e Archivi di tutta Italia e anche d’Europa che testimoniano gli strettissimi rapporti culturali e politici di Ramberto con personaggi del calibro di Marsilio Ficino, Baldassarre Castiglione, Angelo Poliziano, Lorenzo il Magnifico, Piero de’ Medici, Cesare Borgia, Francesco Gonzaga, Alfonso I d’Este, Jacopo Salviati, Bartolomeo Scala, i fratelli Francesco, Luigi e Jacopo Guicciardini, i Capitani della Terra di San Marino, i Dogi di Venezia, cardinali e pontefici.

Dalla figura di Ramberto Malatesta è nato un Centro Studi sul pensiero, l’arte e la storia nel Rinascimento, sostenuto da diversi Comuni romagnoli e al quale aderiscono le Università di Firenze, Zurigo e Bologna e gli Archivi di Stato di Rimini, Forlì, Cesena e della Repubblica di San Marino.

 

 

Ti potrebbe interessare anche...