Rimini. Alfabetizzazione digitale, entrano nel vivo le attività legate al progetto Pane e Internet per un computer accessibile a tutti.

Rimini. Alfabetizzazione digitale, entrano nel vivo le attività legate al progetto Pane e Internet per un computer accessibile a tutti.
Computer, alfabetizzazione digitale

RIMINI. Proseguono con successo le iniziative previste dal progetto Pane e Internet che, dopo l’avvio della nuova edizione 2015-2017 con quale la Regione Emilia Romagna ha affidato la gestione delle attività direttamente ai territori, attraverso il Punto PEI Rimini ha annunciato l’attivazione dei primi 2 presidi di facilitazione digitale, nonché l’avvio, subito dopo l’estate, di 2 nuove edizioni dei corsi di alfabetizzazione digitale e di una nuova edizione dell’avanzato sull’uso del pc, la navigazione in rete e l’accesso ai servizi on line.

‘Due appuntamenti a conferma del nostro impegno per continuare nell’opera di alfabetizzazione informatica e, più in generale, di crescita della cultura informatica tra i cittadini – ha detto l’assessore ai Servizi al cittadino Irina Imola –. Tanto più importante per coinvolgere quella parte di popolazione che per età e cultura corre il rischio di rimanere emarginata da questo processo. Per questo quindi abbiamo deciso di affiancare – ha continuato l’assessore Imola – accanto ai corsi d’alfabetizzazione digitale, che l’anno scorso sono stati premiati da un boom d’iscrizioni con oltre 180 iscritti over 60, un servizio di facilitazione digitale per far sì che, attraverso una presenza sul territorio a cui tutti possono rivolgersi, si possano superare quelle prime difficoltà che potrebbero rendere vane la volontà d’imparare le mille opportunità che internet offre’.

Con la Facilitazione digitale a partire da giugno, tutti coloro che lo vorranno potranno contare sull’assistenza di un operatore appositamente formato per migliorare le proprie conoscenze relative all’uso del pc e alla navigazione in rete.

Per accedere al servizio è sufficiente rivolgersi a uno dei due punti attualmente esistenti nella città: il Punto di facilitazione URP – Piazza Cavour 29 con servizio di assistenza attivo ogni venerdì, dalle 9 alle 12, su prenotazione, oppure il Punto di facilitazione Centro civico “Villaggio 1 maggio” – via Bidente 1 P con servizio di assistenza attivo ogni mercoledì dalle 9 alle 12, su prenotazione. Un’opportunità che nei prossimi mesi sarà progressivamente ampliata con l’attivazione di ulteriori presidi in altre zone della città.

Per quanto riguarda i corsi d’Alfabetizzazione digitale le prossime due edizioni si svolgeranno rispettivamente presso la scuola “A. Bertola” in via Euterpe 16 dal 10 settembre  al 13 ottobre  e presso l’ITIG “Belluzzi-Da Vinci” in via Ada Negri, 34 dal 29 settembre al 29 ottobre. La formazione durerà  20 ore e si svolgerà 2 volte a settimana.

Per i più esperti, invece, il corso avanzato si terrà presso il Centro civico “Villaggio 1 maggio” in via Bidente  1 P dal 13 ottobre al 5 novembre per un totale di 16 ore,  2 volte a settimana.

Per iscriversi ai corsi e per prenotare il servizio di facilitazione bisogna rivolgersi al Punto PEI Rimini che è attivo presso l’URP del Comune: 0541/704704   paneeinternet@comune.rimini.it.

Pane e Internet è una iniziativa promossa dalla Regione Emilia-Romagna, nell’ambito del Piano Telematico regionale, con la collaborazione degli enti locali, delle biblioteche, delle scuole e delle associazioni del terzo settore. Il suo scopo è offrire opportunità di prima alfabetizzazione informatica e apprendimento continuo sull’uso delle tecnologie digitali e l’accesso a Internet. Queste opportunità sono rivolte in primo a chi (circa 1 milione di persone in Emilia Romagna) – per mancanza di competenze e/o strumenti, timori, o semplice disinteresse – non ha alcuna esperienza di uso del pc e accesso a Internet.

Con il nuovo programma triennale che va dal 2014 al 2017, si punta al rilancio di Pane e Internet, per amplificare la portata delle sue attività. L’obiettivo è di costruire un sistema regionale per l’inclusione digitale, che raggiunga le persone con nulle o scarse competenze digitali, e sia in grado di sostenere nel tempo l’apprendimento continuo dei cittadini.

 

 

Ti potrebbe interessare anche...