Cervia. La Tari entra in consiglio per valutare la possibilità di rateizzazione della tassa per imprese e famiglie in difficoltà. Incontro positivo con sindacati ed associazioni.

Cervia. La Tari entra in consiglio per valutare la possibilità di rateizzazione della tassa per imprese e famiglie in difficoltà. Incontro positivo con sindacati ed associazioni.
tari generica

CERVIA. La Giunta comunale precisa la facoltà di rateizzare la tassa sui rifiuti (TARI), destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti.

Dopo aver deliberato di non aumentare aliquote e tariffe e aver previsto la dilazione e rateizzazione di pagamento per agevolare i cittadini e le attività economiche in difficoltà, la Giunta proporrà al Consiglio alcune precisazioni su criteri e modalità di accesso alla dilazione degli avvisi di pagamento della TARI. In particolare sulla tempistica: la documentata richiesta di rateazione deve essere presentata prima della scadenza dell’avviso di pagamento cui si riferisce.

Si sono anche individuati criteri per la prova della condizione di difficoltà economica che per le utenze domestiche è data dalla dichiarazione di ISEE, non superiore a Euro 20.000,00, mentre per le utenze non domestiche si dovrà produrre copia del bilancio di esercizio approvato o provvisorio dell’anno precedente o quello in corso, dai quali si rilevi la perdita di esercizio. La modifica al Regolamento TARI è stata realizzata per supportare cittadini e imprese ed è motivata dalla complessa fase socio economica locale e nazionale.

‘La possibilità di rateizzare la TARI – hanno dichiarato il Sindaco Luca Coffari e l’Assessora alle attività economiche Rossella Fabbri- era emersa anche dalle indicazioni della Conferenza dei Capigruppo. L’attenzione alle famiglie e alle imprese è alta in questa manovra di bilancio. Ricordiamo che le tariffe per i servizi individuali sono invariate senza nessun aumento, così come invariate sono le aliquote IMU, con una riduzione del 10% dei valori delle aree edificabili’.

Invitiamo quindi i cittadini interessati ad attivarsi per richiedere la nuova certificazione ISEE.

La rateizzazione vuole venire incontro alle difficoltà dei cittadini e operatori economici che sono a rischio di non avere immediate risorse per sostenere costi significativi in un’unica soluzione. Rimane fermo che in caso di mancato pagamento della prima rata, ovvero di due anche non consecutive, non potrà più essere concessa altra rateazione per l’anno in corso.

L’affidamento della gestione e della riscossione della TARI, anche per l’anno 2015, resterà all’attuale gestore del servizio rifiuti – HERA S.p.A. e, salvo l’ulteriore successivo conguaglio, le rate ordinarie di scadenza del versamento della TARI sono il 31 luglio 2015, il 30 settembre 2015 e il 31 dicembre 2015.

Ti potrebbe interessare anche...